petrolio genova 2

Allarme sversamento di petrolio a Genova per la rottura di un oleodotto. Il referendum sulla durata delle concessioni per l’estrazione di gas e petrolio in mare non ha raggiunto il quorum. A poche ore dalla conclusione delle votazioni l’Italia si trova subito a fare i conti con i gravi danni che il petrolio può causare all’ambiente. Uno strano scherzo del destino?

Da ieri sera alle 20 la Liguria si trova di fronte ad un problema ambientale molto serio. Un incidente alle condutture della raffineria Iplom ha causato uno sversamento di petrolio nel torrente Polcevera.

A Genova nella notte i vigili del fuoco e la protezione civile sono entrati subito in azione per fronteggiare la situazione. Si parla di una fuoriuscita cospicua e di un’emergenza per l’ambiente anche se al momento sarebbe impossibile fare delle stime precise.

I vigili del fuoco e la protezione civile nella notte hanno provato ad intervenire con delle barriere per arginare l’avanzata del petrolio.

La rottura dell’oleodotto è avvenuta nella località di Fegino. Si parla di odore acre, di aria irrespirabile e di interventi che fino ad ora hanno potuto tamponare solo in parte la situazione. I vigili del fuoco, in particolare, sono intervenuti per cercare di scongiurare il rischio di incendi.

Che cosa è successo di preciso? Al momento i notiziari nazionali e locali parlano di un incidente alle condutture e di un guasto alla raffineria Iplom. Le cause del guasto non sono ancora chiare e non lo è nemmeno l’entità dei danni effettiva.

petrolio genova 1

petrolio genova 3

petrolio genova 4

Gli abitanti della zona parlano di un danno ambientale incalcolabile, ma pare che per il momento il petrolio non abbia raggiunto la foce del torrente Polcevera e quindi il mare. Negli scorsi anni si erano verificati episodi analoghi che avevano destato grande preoccupazione tra gli abitanti. Nelle prossime ore verranno organizzate le bonifiche. In poco tempo il greggio ha inondato il rio Fegino e ha raggiunto il torrente Polcevera. È stato necessario intervenire subito.

Ora vogliamo sapere la verità. Cosa ha causato lo sversamento? Quali saranno le conseguenze per l’ambiente? L’oleodotto danneggiato veniva controllato regolarmente? Sono solo alcuni dei dubbi da chiarire in attesa di saperne di più.

Marta Albè

Fonte foto: Primocanale Pagina Ufficiale

Leggi anche:

frecciaMAREA NERA IN TUNISIA: IL DISASTRO AMBIENTALE DI CUI NESSUNO PARLA (FOTO E VIDEO)

frecciaLA MAREA NERA CHE STA UCCIDENDO L'AMAZZONIA: IL PIÙ GRAVE DISASTRO AMBIENTALE DEL PERÙ (FOTO E VIDEO)

frecciaLA MAREA NERA MINACCIA GLI INDIGENI DEL PERÙ: LE TERRE AFFITTATE ALLE LOBBY DEL PETROLIO (PETIZIONE)

 

geronimo stilton

Trocathlon

Torna il mercatino dell'usato di Decathlon che fa bene all'ambiente e al portafogli

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram