Disastro ambientale in Brasile: 3 mesi dopo, è peggio del previsto

rio doce inquinamento

Rio Doce, qual è la situazione del fiume a tre mesi di distanza dal disastro ambientale in Brasile? Le acque del fiume non sono idonee né per la pesca né per la balneazione e nemmeno per l’irrigazione in agricoltura.

I nostri corrispondenti dal Brasile continuano a seguire da vicino la vicenda. Secondo gli ultimi aggiornamenti, sono state effettuate analisi in 18 punti del fiume. I campionamenti hanno rilevato metalli pesanti e batteri.

Altri 29 campioni di acqua e fango sono stati raccolti da SOS Mata Atlantica e analizzati in laboratorio. I parametri fondamentali che definiscono la classificazione di un fiume sono risultati molto superiori a quanto consentito dalla legge, con particolare riferimento alla torbidità delle acque.

Secondo Malú Ribeiro, coordinatrice delle acque di SOS Mata Atlantica: “I dati rafforzano la gravità del danno ambientale e, purtroppo, le piogge finiscono per trascinare il fango verso il letto del fiume e la situazione diventa ancora più complicata”.

rio doce tabella

rio doce grafico

Il fiume risulta inquinato non soltanto dai metalli pesanti ma anche dai prodotti utilizzati in agricoltura e dalle acque reflue non trattate. La presenza del fango rende i rilevamenti più difficoltosi.

Qui potete consultare il rapporto  sull’inquinamento del Rio Doce.

Marta Albè

Fonte foto: Sosma

Leggi anche: