doomsday 2015

Tre minuti alla mezzanotte. Se la fine del mondo arrivasse a quell'ora, oggi mancherebbero appena 180 secondi. A lanciare il nuovo allarme è stato il team del Bulletin of Atomic Scientists. Secondo gli scienziati, la lancetta dei minuti del Doomsday Clock rimarrà ferma, come lo scorso anno, sui 3 minuti alla mezzanotte.

Questo speciale orologio in realtà tiene conto dei passi in avanti e di quelli indietro condotti a livello globale, considerando vari aspetti, da quello ambientale e climatico ai conflitti, dal nucleare alle altre minacce che incombono sull'umanità.

Secondo gli scienziati del Bulletin, i recenti progressi sul nucleare in Iran e i risultati ottenuti durante la conferenza sul clima di Parigi

“rappresentano solo piccoli punti luminosi in una situazione mondiale più oscura e piena di potenziali catastrofi”.

Siamo in una situazione di stasi. Nel 2012 mancavano 5 minuti a mezzanotte ma lo scorso anno il Doomsday Clock venne aggiornato, perdendo due minuti preziosi a causa del cambiamento climatico e dela creazione di enormi arsenali di armi nucleari.

Gli scienziati quest'anno hanno deciso di tenere ferme le lancette, pur riconoscendo i progressi rappresentati dall'accordo nucleare dell'Iran e dalla Cop21 di Parigi, ma per il Bollettino questi passi positivi sono stati compensati in gran parte da altri negativi:

“Anche se è arrivato l'accordo con l'Iran, le tensioni tra gli Stati Uniti e la Russia sono salite a livelli che ricordano i periodi peggiori della guerra fredda. Il conflitto in Ucraina e in Siria continua, accompagnato da rischi legati alla vicenda che coinvolge la Turchia, membro della NATO, con l'abbattimento di un aereo da guerra russo”.

Secondo il Bollettino, inoltre, Washington e Mosca pur continuando ad aderire alla maggior parte degli accordi sul controllo degli armamenti nucleari già esistenti, sono impegnati insieme ad altri paesi nei programmi per modernizzare i loro arsenali nucleari.

Sul fronte del clima, il Bulletin ha ammesso che l'accordo sottoscritto a Parigi possa essere promettente anche se è arrivato alla fine dell'anno più caldo mai avuto sulla terra, con temperature da record.

È stato però riconosciuto che nel 2015, oltre all'accordo vi sono altri aspetti positivi, che lasciano pensare a un futuro meno nero e più verde: dalla presa di posizione della Chiesa con l'Enciclica di Papa Francesco alla crescente volontà degli investitori di passare dai combustibili fossili alle fonti rinnovabili. Ma non sono tutte rose e fiori, se si considera che ancora oggi negli Stati Uniti il partito repubblicano non riconosce che i cambiamenti climatici causati dall'uomo siano un problema.

Rachel Bronson, direttore esecutivo del Bulletin of the Atomic Scientists, ha commentato:

“L'anno scorso, il Bulletin’s Science and Security Board ha spostato il Doomsday Clock in avanti di tre minuti a mezzanotte, osservando: 'La probabilità della catastrofe globale è molto alta, e le azioni necessarie per ridurre i rischi devono essere adottate al più presto. 'Tale probabilità non è stato ridotto. L'orologio fa tic tac. Il pericolo globale incombe. Bisogna agire immediatamente”.

C'è poco da star tranquilli.

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

Doomsday clock: quei 3 minuti che mancano al collasso

Doomsday Clock: apocalisse più vicina di un minuto per nucleare e cambiamenti climatici

Cambiamenti climatici: 4 scenari possibili dell'aumento delle temperature (infografica)

monge

Monge

20 cose che il tuo cane e gatto non dovrebbero mai mangiare

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram