orso polare roma cover

Cambiamenti climatici: avvistato un orso polare a Roma. Si chiama Paula e la sua missione, tra il Gianicolo e il Colosseo e da Trastevere al Vaticano, è sensibilizzare gli italiani sui rischi causati dai cambiamenti climatici. 

In realtà si tratta di un fantoccio, di un costume teatrale animato, e l’idea è di Greenpeace, che vuole richiamare tutti in riga lanciando anche sui social l'hashtag #OrsoBiancoaRoma e invitando gli utenti a postare foto dell'animale in giro per strade della Capitale.

L’iniziativa dell’associazione ambientalista è stata realizzata in concomitanza con le giornate decisive del vertice di Parigi (Cop21), dove i leader mondiali sono chiamati a sottoscrivere un accordo che possa fermare il surriscaldamento del Pianeta.

Il riscaldamento globale non mette a rischio solo gli orsi polari, ma anche la sopravvivenza di milioni di persone”, spiega Luca Iacoboni, responsabile della campagna Energia e Clima di Greenpeace. “Gli impatti dei mutamenti climatici si manifestano già oggi ovunque, e in Italia prendono la forma di alluvioni, siccità e altri fenomeni meteorologici estremi sempre più frequenti e violenti. Condividiamo lo stesso destino degli orsi polari, perché i cambiamenti climatici hanno ripercussioni sull’intero Pianeta, la nostra casa comune”.

orso polare roma

orso polare roma 1

Intanto a Parigi oggi giovedì 10 è la volta di COP Decision, mentre domani si dovrebbe arrivare finalmente all'adozione dell’Accordo. Tuttavia, la firma da parte dei Capi di Stato non sarà a Parigi ma durante una cerimonia speciale prevista per inizio 2016 e che sarà organizzata dal Segretario Generale dell’ONU.

I leader mondiali hanno la responsabilità di trovare un accordo per limitare i gas serra e scongiurare una catastrofe climatica. L’unico modo di riuscirci è abbandonare completamente i combustibili fossili entro il 2050 e accelerare la transizione già in corso verso un futuro energetico 100% rinnovabile”, continua Iacoboni.

Scongiurando i possibili ritardi che potrebbero far chiudere i negoziati troppo tardi e al di là degli accordi dei più potenti, quello che dobbiamo fare – e l’orso Paula ce l’ha ricordato – è ripartire dal nostro piccolo e augurarci che il nostro governo cambi al più presto rotta smettendo di incentivare le vecchie e inquinanti fonti fossili.

orso polare roma 2

Germana Carillo

Photo Credit

LEGGI anche:

Cop21: la seconda settimana inizia nell’incertezza. Accordo a rischio e ritardi

COP 21: TAGLIO EMISSIONI SETTORE ENERGETICO DEL 60% PER LA CINA. MA NON BASTA

IL 1° GIORNO DELLA COP21 RACCONTATO COI TWEET

ULTIMA CHANCE PER IL CLIMA: 6 COSE CHE (FORSE) NON SAPPIAMO SULLA COP21

LE MANI DELLE LOBBY DEI GRANDI INQUINATORI SULLA COP21: LA DENUNCIA DELLA STREET ART DI BRANDALISM

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram