legambienteArriva puntuale come ogni anno il Rapporto Ambiente Italia di Legambiente sullo stato di salute, ambientale e non, del nostro Paese. Presentata ieri a Roma, l'indagine per il 2010 fa il punto sulle sfide ambientali che le Regioni italiane hanno colto in questi primi mesi dell'anno in corso e di quelle che dovranno cogliere in futuro.

Tra i settori monitorati dall'associazione quello dell'energia, dei trasporti, dei rifiuti, dell'acqua, delle cave, del suolo, del dissesto idrogeologico e della biodiversità. Tutti comparti che, secondo quanto evidenziato da Legambiente, dovranno essere migliorati con il supporto delle singole Regioni: solo così si potranno infatti cogliere sul serio le sfide lanciate dalla tanto invocata Green economy e verrà dato nuovo impulso a tutto il processo di modernizzazione del Paese.

Ma veniamo ai dati emersi dall'indagine. Il quadro generale non è certamente dei più confortanti: l'immagine è infatti quella di un Paese con gravi problemi legati alla mobilità, alla legalità, alla raccolta e allo smaltimento dei rifiuti. Esistono però anche alcuni dati positivi che però, pur facendo ben sperare per il futuro, evidenziano l'incapacità del nostro Paese di "fare sistema" e di canalizzare gli sforzi dei singoli in obiettivi comuni.

In questa prospettiva uno dei dati che maggiormente colpisce è quello che pone l'Italia al terzo posto in Europa per quantitativo di emissioni di Co2 immesse nell'atmosfera con un incremento lordo delle stesse, rispetto al 1990, pari al 7,1%. Un dato questo che non sorprende affatto che si pensa che il nostro Paese è il primo, nell'Unione europea, per numero di automobili pro capite (i mezzi privati coprendo circa l'82% della domanda di trasporto terrestre) e la mole vertiginosa di merci che ogni giorno viaggiano lungo la Penisola.

 

Tra i dati positivi c'è l'attenzione che il nostro Paese riconosce al suo patrimonio naturale: il 10,3 del territorio è infatti dedicato alle aree protette (parchi nazionali, regionali, sic, ecc.). Ma anche questo aspetto mostra dei profondi limiti di gestione: ogni anno vengono infatti ridotte le risorse destinate a queste aree. In particolare, sono i parchi nazionali i più vulnerabili: ricevono infatti il 25% in meno di stanziamenti pubblici rispetto al 2001. Ma non è tutto. Anche la tassazione ambientale è insufficiente: composta per il 77% da tasse energetiche (soprattutto accise petrolifere), manca di imposte specificatamente riferibili al consumo delle risorse ambientali.

Stanno però crescendo, anche se di poco, le piste ciclabili protette e non protette nei capoluoghi di Provincia (sono circa 2.840 km nel 2008 erano circa 2500 l'anno precedente) ed è in aumento la produzione agricoltura biologica, con 1.150.253 ettari di superficie biologica o in conversione (erano 1.148.162 nel 2006). Continuano inoltre a salire i sistemi di gestione ambientale: le certificazioni Iso 14001 infatti, passano dalle 12.057 del 2007 alle 12.922 del 2008.

Analizzate singolarmente, le Regioni evidenziano il divario esistente tra Nord e Sud del Paese: il Pil pro capite è sempre molto più alto nelle Regioni del Nord, con la Valle d'Aosta in testa (33.683 euro), seguita dalla Lombardia (33.474), dal Trentino Alto Adige (32.515) e dall'Emilia Romagna (32.165). Chiude la classifica la Campania con 16.864 euro, preceduta dalla Calabria con 17.004, dalla Sicilia (17.429) e dalla Puglia (17.513 euro).

In tema di rifiuti, la raccolta differenziata è ormai una pratica consolidata in Trentino Alto Adige (53,4%), Veneto (51,4%), Piemonte (44,8%) e Lombardia (44,5). Una situazione di stallo invece viene evidenziata al Sud: in particolare in Molise (4,8%), Sicilia 86,1%), Basilicata (8,1%), Puglia (8,9) e Calabria (9,1%).

"Sono proprio le Regioni, che oggi hanno competenze rilevanti e spesso esclusive in materie delicatissime ad avere la responsabilità di trovare le risposte più efficaci per uscire da questa situazione" - ha dichiarato Vittorio Cogliati Dezza, presidente nazionale di Legambiente, nel comunicato di presentazione del Rapporto. "La sfida che proponiamo ai candidati governatori - ha continuato - è di cogliere le opportunità che la crisi climatica e la crisi economica ci propongono, dimostrando l'esaurimento del vecchio modello di sviluppo e la necessità di fare della Green economy e della qualità dei territori italiani il punto di forza per rilanciare il Paese". Il presidente passa poi alle proposte ben precise: "spingere le fonti rinnovabili, far crescere la mobilità pendolare sui treni, migliorare la gestione e il recupero di acqua e rifiuti, ridurre il prelievo e l'impatto delle cave, valorizzare il sistema dei parchi, fermare il dissesto idrogeologico. Per farlo, indichiamo strategie chiare e concretamente realizzabili spiegando anche dove andare a reperire le risorse".

Insomma secondo Legambiente spetta alle Regioni il compito di premere sull'acceleratore del cambiamento spingendo così il Paese verso l'innovazione e l'ammodernamento ma con un occhio rivolto sempre al rispetto e alla salvaguardia dell'ambiente.

Rosamaria Freda

 

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram