GreenpeaceTripadvisor

Via le trivelle dall'Adriatico. Lo chiedono ancora una volta gli attivisti di Greenpeace che hanno protestato oggi a Zagabria, durante una conferenza sul futuro energetico della Croazia, mostrando una serie di striscioni con scritto: “Don’t spOIL the Adriatic”, “Go solar, not fossil” e “Minister of Dirty Affairs”.

Un'iniziativa di protesta durante la quale gli attivisti hanno simbolicamente offerto delle “sardine condite col greggio” ai partecipanti. Tanti i pericoli in cui versa l'Adriatico anche a causa del governo croato, che sta ignorando gli appelli inviati da cittadinanza, turisti e scienziati che chiedono la sospensione del piano per lo sfruttamento intensivo delle riserve offshore di idrocarburi.

Per questo Greenpeace e la coalizione “SOS for Adriatic” hanno chiesto un referendum per ascoltare la voce della popolazione croata.

“Oltre all’integrità dei mari e delle coste, è in gioco la principale fonte di reddito del Paese, il turismo balneare, che potrebbe subire danni irreparabili dalle trivellazioni in quelle acque. I sondaggi mostrano già oggi come la maggior parte dei cittadini croati sia contraria ai progetti del governo” sostiene l'associazione.

Alla protesta hanno preso parte anche quattro italiani, visto che il problema delle trivelle ci coinvolge direttamente:

Non è un caso che a questa protesta abbiano preso parte anche degli attivisti italiani: il mare Adriatico è sotto attacco, sia in Croazia che in Italia”, ha detto Andrea Boraschi, responsabile della campagna Energia e Clima di Greenpeace Italia. “Il governo Renzi sta facendo disastri in Adriatico, dando il via libera ai petrolieri per trivellare e cercare greggio, dalla Puglia fino all’Emilia Romagna. Quella tra Italia e Croazia è una gara alla devastazione del mare, alla quale ci opporremo con tutte le nostre forze”.

Marina Paulenka Greenpeace 3

Lucija Jakus Greenpeace 1

Marina Paulenka Greenpeace 4

Marina Paulenka Greenpeace 6

Di recente infatti, proprio davanti alle coste abruzzesi, sono stati autorizzati un nuovo pozzo di ricerca, dieci nuovi pozzi di estrazione e l’installazione di una nave-piattaforma per il progetto Ombrina Mare, una vera e propria raffineria galleggiante a due passi dalla costa.

Per approfondire: Trivelle nell'Adriatico: arriva l'ok per Ombrina Mare. Le associazioni annunciano battaglia

Ma non solo. Altri nove decreti di compatibilità ambientale sono stati emanati dal Ministero dell'ambiente, due di questi coprono un’area che va dalle acque al largo di Rimini fino alla Puglia, a Otranto.

Marina Paulenka Greenpeace 5

Ma parlare solo e prostestare senza agire non basta. Per questro Greenpeace ha lanciato una nuova iniziativa contro la caccia alle ultime gocce di petrolio dell'Adriatico e degli altri mari italiani. Una campagna dal nome evocativo: la paradossale piattaforma turistica – TrivAdvisor – sulla quale sono presenti delle immaginarie recensioni dei turisti in vacanza nei nostri mari trivellati, come quella che segue:

"Perfetto sia in coppia che con gli amici: sono tornata anche quest'anno e non sono rimasta affatto delusa, anzi, meglio che mai! Pieno di piattaforme che spuntano da tutte le parti, veramente un portento dell'impatto umano sulla natura incontaminata. Unica pecca, a doverla trovare, la spiaggia troppo affolata"

Già, perché tra qualche anno è questo quello che troveranno i turisti nei mari italiani.

Per firmare e mandare anche tu un messaggio al governo tramite TrivAdvisor, clicca qui

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

Trivellazioni di petrolio nell'Adriatico: la Croazia dice si' alle consultazioni con l'Italia

Renzi vuole trivellare l'Adriatico. 7 ragioni per dire No allo Slocca Italia

Blitz di Greenpeace alla Camera contro lo Sblocca Italia: “No trivelle, sì rinnovabili”

Barcolana: Blitz Greenpeace contro Gazprom. Ancora violenza contro gli attivisti

forest bathing sm

Trentino

I migliori itinerari da fare a piedi o in bici

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
banner orto giardino
whatsapp
seguici su instagram