OceanCleanCover

The Ocean Cleanup Array, cosa vi ricorda? È il progetto ideato dall'allora 19enne Boyan Slat che aveva ideato una soluzione per eliminare le microplastiche dagli oceani. Dal 2013, quando è stato annunciato per la prima volta, Ocean Cleanup Array ha fatto tanti passi avanti. Ma dal 2016 diventerà ufficialmente il primo sistema di pulizia degli oceani.

Un'idea semplice, ma in grado di raccogliere 7.250.000 tonnellate di rifiuti in soli 5 anni, come confermato dallo studio di fattibilità, lo scorso anno. Il dispositivo è formato da una piattaforma a cui sono collegate due lunghe panne, in grado di intercettare e trattenere i rifiuti galleggianti anche di piccole dimensioni.

È stato lo stesso Boyan, oggi ventenne fondatore e CEO di The Cleanup Ocean, ad annunciare che il suo Array sarà il primo sistema al mondo utilizzato per ripulire passivamente l'inquinamento prodotto dalla plastica negli oceani. La conferma è arrivata in occasione della conferenza dedicata alla tecnologica più grande dell'Asia, il Seoul Digital Forum, in Corea del Sud.

Si parte proprio dall'Asia, precisamente dal Giappone, dove l'Array verrà distribuito e messo in funzione nella seconda metà del 2016. Le prime acque ad essere ripulite dalla plastica saranno quelle al largo della costa di Tsushima, un'isola situata tra il Giappone e la Corea del Sud, oggi oggetto di ricerca.

Come funziona? L'Ocean Cleanup Array, lo ricordiamo, è formato da due lunghe braccia che si trovano a pelo d'acqua. Il dispositivo è profondo circa 3 metri, in modo tale da intercettare la maggior parte della plastica che si trova in mare.

I rifiuti vengono così catturati dalle panne che non si muovono dalla loro posizione ma che agiscono come una sorta di grande imbuto, dove la plastica viene spinta proprio dall'angolo dei bracci. Una volta fatta arrivare alla piattaforma di raccolta, viene filtrata, separata dal plancton e conservata per il riciclo.

Quello in funzione in Giappone, il prossimo anno, avrà le due braccia lunghe circa 2.000 metri, diventando così la più lunga struttura galleggiante mai stesa in mare (battendo il record attuale di 1000 metri detenuti dal Tokyo Mega-Float).

OceanClean1

Ocean Cleanup Array sarà operativo per almeno due anni, durante i quali eliminerà la plastica prima che essa possa raggiungere le coste dell'isola di Tsushima. Quest'ultima sta anche valutando se i rifiuti raccolti possano essere utilizzati come fonte di energia alternativa.

OceanCleanAlto

Perché Tsushima? Una scelta non casuale visto che qui il problema dell'inquinamento in mare è molto grave. Ciò ha portato i il governo locale a cercare soluzioni innovative per risolverlo.

OceanClean

Prendersi cura del problema rifiuti degli oceani del mondo è una delle più grandi sfide ambientali che l'umanità si trova ad affrontare oggi” ha detto Boyan Slat, secondo cui si tratta del primo passo verso l'obiettivo di ripulire la Great Pacific Garbage Patch. “Questa distribuzione ci permetterà di studiare l'efficienza e la durata del sistema nel tempo”.

Diffondere il più possibile questa soluzione è un'importante pietra miliare della missione del Cleanup Ocean per eliminare l'inquinamento della plastica dagli oceani. Entro cinque anni, dopo una serie di installazioni, Cleanup Ocean prevede di implementare un sistema di 100 chilometri per ripulire circa la metà della Great Pacific Garbage Patch, tra le Hawaii e la California.

Francesca Mancuso

Foto: Theoceancleanup

LEGGI anche:

Plastica: come dimezzare le isole di rifiuti nell'oceano grazie all'invenzione di un 19enne

Plastica: ragazzo di 19 anni inventa dispositivo per ripulire gli oceani

monge

Monge

20 cose che il tuo cane e gatto non dovrebbero mai mangiare

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram