Incendiopemex

Il Golfo del Messico, funestato da un'altra esplosione seguita da un incendio. Questa volta il luogo del disastro è la piattaforma petrolifera di Abkatun Alfa, gestita dal colosso messicano Pemex (Petróleos Mexicanos). Sono 4 le vittime accertate, 16 i feriti e circa 300 le persone evacuate dalla struttura.

Torna l'incubo della BP. Ma la notizia è passata quasi in sordina, scambiata forse per un pesce d'aprile, ma purtroppo non si tratta di uno scherzo. A dare la conferma ufficiale è stata la stessa Pemex:

Questa mattina la zona di disidratazione e di pompaggio ha preso fuoco nella piattaforma permanente di Abkatun nella Baia di Campeche. Il piano di emergenza di Pemex è stato subito messo in azione e 302 lavoratori sono stati evacuati e trasferiti in altre piattaforme della zonafa sapere la società.

La causa? Si parla di guasto tecnico ai processi di funzionamento. Otto imbarcazioni antincendio hanno tentato di domare l'incendio e di controllare l'emergenza. Scarne le notizie sulle criticità ambientali generate dall'evento. La Petróleos Mexicanos al momento si è occupata più della conta delle vittime.

Secondo le stime ufficiali, quattro sono stati i lavoratori deceduti: uno di Pemex, uno delle società Cotemar e altri due non sono ancora stati identificati, e 16 feriti (quattro di Pemex e 12 di società che forniscono servizi sulla piattaforma), portati presso gli ospedali della zona.

Eppure il direttore generale della Petróleos Mexicanos, Emilio Lozoya, si è recato sul posto per capire come avviare le procedure di protezione contro l'incendio. La piattaforma poggia sulla cosiddetta Sonda de Campeche, l'estensione sottomarina della penisola dello Yucatan nel Golfo del Messico.

Secondo quanto rivelato con una successiva nota dalla società, l'incendio nella piattaforma di Abkatun non ha causato alcuna fuoriuscita in mare, “solo” uno sversamento di idrocarburi contenuto da navi specializzate.

Ecco altre immagini dei tentativi di domare le fiamme:

L'amministratore delegato Lozoya ha minimizzato, spostando l'attenzione sull'impatto dell'incidente sulla produzione che “sarà minimo”.

Durante la sua visita ai lavoratori ricoverati negli ospedali, ha inoltre aggiunto che “i protocolli di sicurezza interna hanno funzionato correttamente, consentendo che l'evacuazione della piattaforma fosse stata effettuata in modo tempestivo ed efficiente”.

Ma quanto è “minimo” lo sversamento di idrocarburi di cui parla? Davvero è stato contenuto? Appare improbabile vista l'entità dell'incendio, con fiamme alte per ore.

Francesca Mancuso

Foto: Twitter

LEGGI anche:

Marea nera del Golfo del Messico: terribili foto a due anni dal disastro

Esplode un'altra piattaforma. Nel Golfo del Messico torna l’ombra della marea nera

Marea Nera del Golfo del Messico: la BP dovra' risarcire 4,5 miliardi di dollari

porta calcio decathlon 2018

Decathlon

Una porta da calcio per giocare in giardino tutto l'anno

cosmetici pelle lavera

Lavera

Come difendere la pelle dall'inquinamento quotidiano

banner guida pulizie

La guida alle pulizie eco

Tante informazioni, zero euro! Scaricala subito

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
seguici su instagram
guida pulizie
corsi greenme
whatsapp gratis