aborigeni australiani miniera

Gli aborigeni australiani stanno combattendo per fermare la costruzione della miniera di carbone Carmichael che in Australia minaccia la Grande barriera corallina. Lo scorso agosto il Governo australiano ha preferito il carbone alla barriera corallina, approvando la realizzazione della più grande miniera della nazione.

Sono iniziate immediatamente le mobilitazioni e le proteste per salvare la barriera corallina, con il motto #savethereef. Gli aborigeni vogliono difendere le proprie terre ancestrali dalla deturpazione e dalla distruzione ambientale.

Il progetto per la costruzione della miniera vale 16 miliardi di dollari e permetterà di estrarre circa 60 milioni di tonnellate di carbone all'anno. La miniera di carbone Carmichael sorgerà nel Queensland. Sarà composta da miniere sotterranee e a cielo aperto. È prevista la distruzione di circa 28 mila ettari di foreste.

I rappresentanti delle tribù aborigene Wangan e Jagalingou hanno formalmente rifiutato l'accordo sull'uso del suolo indigeno che vedrebbe lo sviluppo del progetto per la costruzione della miniera da parte della società indiana Adani.

Adani allora si è rivolta al giudice nazionale per ignorare l'obiezione presentata dagli aborigeni. Ciò consentirebbe al Governo del Queensland di emettere un contratto di locazione per la realizzazione della miniera.

I rappresentanti degli aborigeni hanno scritto direttamente al premier del Queensland, Annastacia Palszczuk, per sostenere il proprio diritto alla difesa dei terreni nativi. Secondo gli aborigeni australiani, costruire la miniera sarebbe come strappare il cuore al Paese.

La miniera rischia di distruggere l'ambiente naturale e di cancellare le tradizioni, le leggi e la cultura degli aborigeni. Il timore è che il Governo del Queensland ceda alle pressioni di Adani. A quel punto non ci sarà speranza per il popolo aborigeno. Tutti i loro diritti sulla terra saranno cancellati.

Carmichael si preannuncia come una delle miniere più grandi del mondo, con un'estensione di oltre 200 chilometri quadrati. Comporterà l'estrazione e lo sfruttamento di 297 miliardi di litri di risorse idriche dalle falde acquifere locali.

La zona proposta per la costruzione della miniera comprende gli habitat di alcune specie animali locali, come l'emù e l'echidna, oltre che alcuni alberi totemici, sacri per il popolo Wangan e Jagalingou. Inoltre la sua realizzazione minaccia l'ecosistema della Grande barriera corallina.

miniera carbone australia

greenpeace save the reef

fonte foto: greenpeace.org

L'opposizione degli aborigeni riuscirà a fermare la costruzione della miniera e a salvare l'ambiente in Australia? È il momento di rinunciare al carbone e di passare alle energie pulite per il bene del Pianeta. Del resto l'Australia dovrebbe soltanto credere di più ai propri progetti di decabronizzazione incentrati sulle rinnovabili, a partire dal fotovoltaico sul tetto.

Marta Albè

Fonte foto copertina: wikispaces.com

Leggi anche:

Carbone: al via la più grande miniera dell'Australia. Minaccia la barriera corallina (#savethereef)

monge

Monge

20 cose che il tuo cane e gatto non dovrebbero mai mangiare

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram