divest

Anche l'Onu appoggia la campagna per il disinvestimento dalle fonti fossili. Un argomento molto sentito in questo 2015, l'anno che ospiterà una delle più importanti conferenze sul clima, la Cop21 di Parigi.

La United Nations Framework Convention on Climate Change (UNFCCC) ha deciso di offrire il proprio appoggio alla campagna per il disinvestimento dalle fossili. A un mese dal Global Divestment Day 2015, l'organizzazione delle Nazioni Unite si è impegnata a convincere gli investitori a disfarsi dei loro beni sporchi.

Esattamente un mese fa, si sono svolti oltre 450 eventi in 60 paesi. La popolazione mondiale è scesa in strada sostenendo che è sbagliato distruggere il clima ma è ancora più grave trarne profitto. “Dalle Isole del Pacifico al Sud Africa, dagli Stati Uniti alla Germania, ci siamo mobilitati per chiedere a nostri governi, alle università e alle istituzioni finanziarie e religiose di smettere di investire nelle industrie criminali che stanno distruggendo il nostro pianeta si legge sul sito della campagna Gofossilfree.org.

E adesso arriva anche il sostegno morale delle Nazioni Unite alla causa, condividendo l'ambizione della campagna: un accordo forte per affrontare il riscaldamento globale in occasione della conferenza sul clima di Parigi.

“Sosteniamo il disinvestimento perché manda un segnale alle aziende, in particolare a quelle del settore del carbone, spiegando loro che il tempo del 'brucia ciò che vuoi e quando vuoi' non può continuareha dichiarato Nick Nuttall, portavoce dell'UNFCCC al Guardian.

Sembra una mossa scontata ma l'appoggio dell'Onu ha particolare importanza e avrà un peso non da poco nei confronti delle economie di molte nazioni al tavolo dei negoziati, soprattutto per quelle che si fondano ancora sulle forme più inquinanti di produzione di energia: carbone, petrolio e gas. Tra esse la Polonia, carbone-dipendente, che nel 2013 ha ospitato il vertice UNFCCC.

Secondo gli attivisti della campagna, l'obiettivo è quello di far fallire le aziende dei combustibili fossili moralmente, non economicamente. “Il messaggio è che ora si possono abbandonare i combustibili fossili senza compromettere gli investimenti. È un mondo diverso” assicura Nuttal. “Tutto quello che facciamo è basato sulla scienza e la scienza ha detto chiaramente che abbiamo bisogno di un mondo con molti meno combustibili”, ha detto Nuttall.

Molte istituzioni del mondo finanziario, tra cui la Banca Mondiale, la Banca d'Inghilterra, HSBC, Goldman Sachs e Standard and Poors, lo hanno detto chiaramente: se anche una frazione dele riserve note di combustibili fossili verranno bruciate, i rischi non riguarderebbero solo il pianeta ma anche gli investimenti stessi. E i cambiamenti climatici sarebbero irreversibili.

Il segretario generale dell'Onu, Ban Ki-moon, a novembre aveva personalmente inviato un messaggio agli investitori invitandoli a smette di credere nel carbone e nei combustibili fossili, optando invece per le energie rinnovabili.

Sarebbe come spremere la Terra stritolandola, per ottenere qualche goccia di petrolio.

Francesca Mancuso

Foto: FossilFree

LEGGI anche:

Cambiamenti climatici: il rapporto dell'ONU spiegato con le illustrazioni degli autori (#clima2014)

ONU: i 15 disastri del 2013 imputabili ai cambiamenti climatici

Effetto serra da record: l’allarme dell’Onu sui cambiamenti climatici

Clima: COP20, appello di Ban Ki-moon alla responsabilità globale

#COP20: nulla di fatto a Lima per il #clima. Ultima speranza Parigi

maschera lavera 320

Lavera

Come preparare la pelle del viso all’estate in 5 mosse

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram