antizanzare

Gli antizanzare utilizzati per la disinfestazione in vista dell'arrivo delle zanzare non sono esattamente acqua fresca per l'ambiente. Proprio a causa dei prodotti chimici antizanzare, gli insetti sono diventati sempre più forti e difficili da "debellare".

Ecco allora l'utilizzo di prodotti antizanzare più potenti e in maggiori quantità, in un circolo vizioso senza fine. Esiste purtroppo un impatto negativo delle sostanze sintetiche utilizzate per la profilassi antizanzare nei confronti degli ecosistemi e degli esseri viventi.

Per fare chiarezza sulla situazione arriva un nuovo rapporto firmato dai ricercatori dell'Ispra e dai professori delle Università di Roma, Firenze, Padova e Parma. Si tratta di uno studio che porta il titolo di "Impatto sugli ecosistemi e sugli esseri viventi delle sostanze sintetiche utilizzate nella profilassi anti-zanzara" appena pubblicato dall'Istituto Superiore per la Protezione Ambientale.

Nella presentazione, a cura del Direttore del Dipartimento Difesa della Natura, dott.ssa Emi Morroni, si legge: "

L'uso dei pesticidi, su terreni e superfici dure, desta una serie di preoccupazioni, soprattutto per via della velocità di ruscellamento delle acque superficiali, almeno 10 volte maggiore rispetto a quella dei terreni agricoli".

Inoltre, secondo gli esperti Ispra, gli insetticidi impiegati non hanno tempo di degradare, raggiungendo rapidamente gli habitat naturali e determinandone la contaminazione anche a notevole distanza dai luoghi di irrorazione. La diffusione di grandi quantitativi di sostanze chimiche di sintesi e la conseguente contaminazione degli ecosistemi ha ridotto drasticamente le popolazioni dei predatori delle zanzare stesse (pipistrelli, uccelli insettivori, libellule, gechi) col paradossale risultato di una sempre maggiore presenza di zanzare e altri fastidiosi parassiti.

E lo studio ricorda che: "I ripetuti interventi antiparassitari per combattere l'eccedente presenza di zanzare ed altri insetti considerati nocivi, possono causare danni all'ambiente e alla salute umana".

D'ora in poi la tematica non potrà più essere taciuta o trascurata perché il nuovo Quaderno dell'ISPRA, esaminando e analizzando la maggior parte degli insetticidi, anche quelli maggiormente impiegati e ritenuti innocui, ne rivela i segreti e le caratteristiche.

Lo studio ha preso in considerazione anche l'impatto degli insetticidi sulle api, e riporta i Regolamenti e le Direttive europee insieme ai Decreti e alle Leggi nazionali. Potrà quindi essere una valida guida per difendersi dai soprusi e orientare sia i cittadini che gli operatori pubblici verso comportamenti scientificamente corretti, efficaci e rispettosi della salute e dell'ambiente.

Come possiamo fare per difenderci dalle zanzare senza ricorrere a sostanze tossiche? Gli esperti suggeriscono la soluzione della prevenzione, basata sulla bonifica di raccolte, anche minime, di acqua stagnante e sull'eliminazione dei focolai larvali. Ogni persona dovrà agire a livello della propria abitazione e del proprio giardino per cercare di contenere la proliferazione eccessiva delle zanzare, senza usare insetticidi e pesticidi.

Inoltre esistono numerosi trucchi e metodi innocui per proteggersi dalle zanzare in modo naturale, a partire dallo spray antizanzare ecologico fai-da-te e dai 10 modi per rendersi invisibili alle zanzare, tutti da sperimentare.

LEGGI anche: 5 piante anti-zanzare facili da coltivare

Leggi e scarica qui lo studio Ispra sulla profilassi antizanzare.

Marta Albè

Leggi anche:

Antizanzare naturale e fai-da-te
10 modi per diventare invisibili per le zanzare
Spray antizanzare ecologico fai-da-te

maschera lavera 320

Salugea

Colesterolo alto: ridurlo in soli 3 mesi naturalmente

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
banner colloqui dobbiaco
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram