#SbloccaItalia, più trivelle per tutti: l'altra faccia del petrolio a #Presadiretta

sbloccaitalia pd

In Basilicata si estrae l'80% di tutto il Petrolio italiano ormai da 25 anni. Ma quanto ci costa già adesso, e quanto ci costerà in futuro, l'enorme impatto ambientale dell'industria del petrolio? È un caso se più del 50% dei sindaci della Basilicata è contrario allo #Sbloccaitalia, una legge promulgata il 12 novembre dello scorso anno passata a colpi di fiducia sia alla Camera e al Senato?

Sì, perché contro il provvedimento si è espressa tutta l'opposizione: il Movimento Cinque Stelle, Forza Italia, Sel, La Lega Nord e Fratelli Di Italia. A votare a favore sono stati solo Pd, Ncd e Scelta Civica. Ma cos'è lo Sblocca Italia? E perché è pericoloso?

Sbloccaitalia è fatto di 45 articoli e riguarda 3,9 miliardi di spesa pubblica aggiuntiva, che dovranno servire a far aprire nuovi cantieri di strade, autostrade, ferrovie, metropolitane. E poi ci sono le semplificazioni procedurali e burocratiche. Insomma, provvedimenti che devono servire appunto a sbloccare l'Italia e a farla ripartire e correre di nuovo

Solo la parte dello sbloccaitalia che riguarda l'energia, il gas e le nuove estrazioni di petrolio per il Governo vale nuovi centomila posti di lavori, investimenti per 17 miliardi di euro e un risparmio nella bolletta energetica degli italiani di 200 miliardi di euro in 20 anni. Questi sono i numeri del Governo.

Ma a Presadiretta ieri sera è stata raccontata l'altra faccia della medaglia. Al centro dell'inchiesta di Riccardo Iacona con Danilo Procaccianti, Rebecca Samonà e la collaborazione di Elisabetta Camilleri, c'è proprio la scommessa del governo di raddoppiare l'estrazione di gas e di petrolio per produrre nuova ricchezza e nuovi posti di lavoro. Con lo Sblocca Italia, infatti, l'iter per le autorizzazioni alle trivellazioni sarà più veloce e più facile.

sbloccait

Ma è questa la strada da seguire? Le telecamere della trasmissione hanno dato voce ai due scienziati Armaroli e Balzani, che avevano inviato una letteraal governo insieme a molti altri colleghi per chiedere:

“di stimolare una reale innovazione nelle aziende, sostenere l’economia e l’occupazione, diminuire l’inquinamento, evitare futuri aumenti del costo dell’energia, ridurre la dipendenza energetica dell’Italia da altri Paesi, ottemperare alle direttive europee concernenti la produzione di gas serra e custodire l’incalcolabile valore paesaggistico delle nostre terre e dei nostri mari”, rinunciando “ad estrarre le nostre esigue riserve di combustibili fossili e in un intenso impegno verso efficienza, risparmio energetico, sviluppo delle energie rinnovabili e della green economy”.

Secondo gli scienziati, la politica energetica italiana è ferma agli anni '50:

L’Italia ha pochissimo petrolio e gas, ma ha tanto, tantissimo sole, che, come altre fonti rinnovabili, è in grado di generare energia con un bassissimo impatto ambientale. Altro che petrolio e trivelle. Eppure il premier Renzi aveva fino da subito capire qual era il suo punto di vista, sottolineando che non sarebbero stati "quattro comitatini" a fermarlo.

Immensamente di più. E potremmo salvaguardare l'uno e l'altro, se solo volessimo. Se solo ci opponessimo alle lobby fossili. Se lo “Sblocca trivelle”, com'è stato soprannominato lo Sblocca Italia, venisse votato in un referendum, sarebbe abrogato. Non stupiamoci. Il 51% degli italiani è contrario ad altre trivellazioni petrolifere.

Roberta Ragni

LEGGI anche:

Sblocca Italia: 9 cose che vanno contro una crescita davvero sostenibile

Renzi vuole trivellare l'Adriatico. 7 ragioni per dire No allo Slocca Italia

Trivellazioni di petrolio in Italia: il 51% dei cittadini e' contrario

mediterranea pelle

Mediterranea

Dimmi quanti anni hai e ti dirò di cosa ha bisogno la tua pelle

ecogreen

Ecogreen

La prima sneaker certificata Ecolabel!

whatsapp gratis
corsi pagamento