sbloccaitalia pd

In Basilicata si estrae l'80% di tutto il Petrolio italiano ormai da 25 anni. Ma quanto ci costa già adesso, e quanto ci costerà in futuro, l'enorme impatto ambientale dell'industria del petrolio? È un caso se più del 50% dei sindaci della Basilicata è contrario allo #Sbloccaitalia, una legge promulgata il 12 novembre dello scorso anno passata a colpi di fiducia sia alla Camera e al Senato?

Sì, perché contro il provvedimento si è espressa tutta l'opposizione: il Movimento Cinque Stelle, Forza Italia, Sel, La Lega Nord e Fratelli Di Italia. A votare a favore sono stati solo Pd, Ncd e Scelta Civica. Ma cos'è lo Sblocca Italia? E perché è pericoloso?

Sbloccaitalia è fatto di 45 articoli e riguarda 3,9 miliardi di spesa pubblica aggiuntiva, che dovranno servire a far aprire nuovi cantieri di strade, autostrade, ferrovie, metropolitane. E poi ci sono le semplificazioni procedurali e burocratiche. Insomma, provvedimenti che devono servire appunto a sbloccare l'Italia e a farla ripartire e correre di nuovo

Solo la parte dello sbloccaitalia che riguarda l'energia, il gas e le nuove estrazioni di petrolio per il Governo vale nuovi centomila posti di lavori, investimenti per 17 miliardi di euro e un risparmio nella bolletta energetica degli italiani di 200 miliardi di euro in 20 anni. Questi sono i numeri del Governo.

Ma a Presadiretta ieri sera è stata raccontata l'altra faccia della medaglia. Al centro dell'inchiesta di Riccardo Iacona con Danilo Procaccianti, Rebecca Samonà e la collaborazione di Elisabetta Camilleri, c'è proprio la scommessa del governo di raddoppiare l'estrazione di gas e di petrolio per produrre nuova ricchezza e nuovi posti di lavoro. Con lo Sblocca Italia, infatti, l'iter per le autorizzazioni alle trivellazioni sarà più veloce e più facile.

sbloccait

Ma è questa la strada da seguire? Le telecamere della trasmissione hanno dato voce ai due scienziati Armaroli e Balzani, che avevano inviato una letteraal governo insieme a molti altri colleghi per chiedere:

“di stimolare una reale innovazione nelle aziende, sostenere l’economia e l’occupazione, diminuire l’inquinamento, evitare futuri aumenti del costo dell’energia, ridurre la dipendenza energetica dell’Italia da altri Paesi, ottemperare alle direttive europee concernenti la produzione di gas serra e custodire l’incalcolabile valore paesaggistico delle nostre terre e dei nostri mari”, rinunciando “ad estrarre le nostre esigue riserve di combustibili fossili e in un intenso impegno verso efficienza, risparmio energetico, sviluppo delle energie rinnovabili e della green economy”.

Secondo gli scienziati, la politica energetica italiana è ferma agli anni '50:

L’Italia ha pochissimo petrolio e gas, ma ha tanto, tantissimo sole, che, come altre fonti rinnovabili, è in grado di generare energia con un bassissimo impatto ambientale. Altro che petrolio e trivelle. Eppure il premier Renzi aveva fino da subito capire qual era il suo punto di vista, sottolineando che non sarebbero stati "quattro comitatini" a fermarlo.

Immensamente di più. E potremmo salvaguardare l'uno e l'altro, se solo volessimo. Se solo ci opponessimo alle lobby fossili. Se lo “Sblocca trivelle”, com'è stato soprannominato lo Sblocca Italia, venisse votato in un referendum, sarebbe abrogato. Non stupiamoci. Il 51% degli italiani è contrario ad altre trivellazioni petrolifere.

Roberta Ragni

LEGGI anche:

Sblocca Italia: 9 cose che vanno contro una crescita davvero sostenibile

Renzi vuole trivellare l'Adriatico. 7 ragioni per dire No allo Slocca Italia

Trivellazioni di petrolio in Italia: il 51% dei cittadini e' contrario

geronimo stilton

Trocathlon

Torna il mercatino dell'usato di Decathlon che fa bene all'ambiente e al portafogli

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram