canariegreenpeace

I gommoni della Marina Militare spagnola speronano quelli Greenpeace partiti dalla nave Arctic Sunrise e un'attivista italiana di 21 anni riporta delle ferite. È accaduto sabato scorso nell'Arcipelago delle Canarie, dove la nave da trivellazione Rowan Renaissance intende effettuare delle trivellazioni esplorative al largo delle isole di Lanzarote e Fuerteventura per conto dell'azienda spagnola Repsol.

Così, tre natanti della Marina Militare spagnola, provenienti dalla nave RelámpagoP43, hanno ripetutamente speronato i gommoni degli attivisti di Greenpeace. Ciononostante, l'Arctic Sunrise è rimasta in zona, al di fuori dell'area di esclusione, per esaminare i danni subiti dai mezzi.

Durante la notte le Autorità militari spagnole avevano chiesto alla nave di Greenpeace di lasciare l'area in cui Repsol vorrebbe trivellare. "Non permetteremo le trivellazioni della Rowan Reinassance in acque profonde poiché ciò è considerato da noi e da milioni di sostenitori estremamente distruttivo e chiediamo al governo spagnolo di proteggere l'ambiente e i cittadini delle Isole Canarie e non il profitto di Repsol", avvea replicato il capitano dell'Arctic Sunrise, Joel Stewart.

Il motivo del dissenso degli attivisti? Il fatto che questo progetto di trivellazione non soddisfi i requisiti di varie direttive comunitarie, mutuando quasi le stesse condizioni di quello che è ormai passato allo storia come il maggiore incidente dell'industria petrolifera, quello della Deepwater Horizon nel Golfo del Messico dell'aprile del 2010, avvenuto proprio durante una trivellazione esplorativa.

canariegreenpeace1

Greenpeace ricorda che la Rowan Reinassance ha avuto in passato numerosi problemi: in maggio, nelle acque della Namibia, la testata del pozzo di trivellazione è collassata per problemi nella cementazione del pozzo e delle caratteristiche geotecniche del sito di trivellazione. Ci sono stati anche inconvenienti alla valvola di sicurezza che alla fine hanno costretto Repsol a chiudere il pozzo e abbandonarlo.

E intanto arrivano i primi commenti al margine di quanto è accaduto: "È l'ennesimo caso di criminalizzazione del dissenso ed è l'ulteriore dimostrazione che, al di là delle belle parole, i governi considerano più importanti e difendibili ad ogni costo le ragioni dei petrolieri rispetto le ragioni dell'ambiente e dei cittadini", ha affermato la parlamentare Serena Pellegrino, capogruppo di SEL in Commissione ambiente di Montecitorio. "Sollecito il nostro Ministro della difesa a non prendere ad esempio questo tipo di reazioni spropositate ad azioni pacifiche degli ambientalisti e sono personalmente vicina alla nostra connazionale ferita".

Germana Carillo

Foto: Greenpeace.com

LEGGI anche:

Alle Isole Canarie un referendum per fermare le trivellazioni petrolifere

El Hierro: l'isola delle Canarie 100% rinnovabile

forest bathing sm

Trentino

Forest Bathing e non solo, per guarire con la natura

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
banner orto giardino
whatsapp
seguici su instagram