Nucleare, disputa Prestigiacomo-Scajola sui siti: "Tutto risolto"

StefaniaPrestigiacomo

Sono state appianate le diivergenze tra il Ministro per l'Ambiente Stefania Prestigiacomo e quello per lo Sviluppo Economico, Claudio Scajola in merito al decreto sul nucleare approvato lo scorso 22 dicembre.

Qualche giorno fa, infatti, duranta la riunione del Consiglio dei Ministri sui criteri da applicare alle nuove centrali nucleari, il Ministro Prestigiacomo ha manifestato il proprio disappunto. Oltre a farlo proprio durante il Consiglio dei Ministri, ha inviato anche una lettera al sottosegretario Gianni Letta, richiedendo la modifica di alcuni punti dei decreto, minacciando di non firmare il provvedimento proposto dal Ministro Scajola.

In particolare, la Prestigiacomo ha richiesto circa 60 modifiche al testo, ottenute poi grazie alla mediazione di Letta. Oggetto di discussione serrata sarebbe stato il comma 7 dell'Articolo 13, che prevede che le autorizzazioni Aia (Autorizzazione Integrata Ambientale) e Via (Valutazione d'Impatto Ambientale) "non possono avere ad oggetto questioni già sottoposte a valutazione ambientale strategica (Vas) o alla valutazione dell'Agenzia nell'ambito della localizzazione del sito". Ciò che il Ministro dell'Ambiente sosteneva era di avere un ruolo più forte nel percorso autorizzativo degli impianti nucleari, soprattutto per la scelta dei siti dove installare le centrali.

"È stata una normale dialettica sui contenuti - afferma la Prestigiacomo - e sono stati appianati tutti i problemi. Il decreto che era stato approvato nei giorni scorsi "salvo-intesa", dunque, è stato ora regolarmente firmato.

Francesca Mancuso

mediterranea pelle

Mediterranea

Dimmi quanti anni hai e ti dirò di cosa ha bisogno la tua pelle

ecogreen

Ecogreen

La prima sneaker certificata Ecolabel!

whatsapp gratis
corsi pagamento