orridobellano

Può una cascata essere troppo rumorosa? Forse anche sì, ma se vi desse poi così tanto fastidio voi fareste ricorso? Ebbene, a Bellano proprio un esposto e una multa sono spuntati per lo mezzo dopo che un cittadino, residente nei pressi dei celebri salti d'acqua, ha deciso che quel rumore era talmente insopportabile da fare un reclamo e chiamare l'Arpa perché effettuasse analisi acustiche.

Protagonisti della bizzarra vicenda sono la cascata dell'Orrido di Bellano e Roberto Santalucia, sindaco del comune lecchese che si affaccia sul logo di Como. E una sanzione da circa mille euro (1.032 euro per la precisione) per il primo cittadino del paese che ospita un "orrido" tra i più famosi d'Italia, con circa 30mila visitatori ogni anno (l'orrido è una ripida gola attraversata da un fiume: qui tra balzi e cascate si crea un meraviglioso spettacolo naturale).

Dunque: l'Arpa, chiamata in causa, ha svolto delle analisi acustiche e le sue ispezioni e misurazioni hanno constatato che quegli spettacolari e rombanti salti d'acqua tra i canyon di rocce all'interno dell'oasi protetta dell'Orrido sono un tantinello rumorosi tanto da superare i limiti concessi dalle norme.

Orrido di Bellano3

fonte foto: wikimedia.org

A questo punto, la bizzarra vicenda si colora dei toni più strambi possibili. Come si legge dal sito dell'Arpa della Lombardia, l'agenzia per l'ambiente non è tenuta a comminare sanzioni pecuniarie, ma semplicemente a effettuare delle verifiche, in questo caso proprio su "specifica attivazione da parte del Comune di Bellano che, quale Ente deputato al controllo e alla vigilanza in tema di inquinamento, aveva dato seguito all'esposto di un cittadino".

In questo modo, i risultati delle misure sono stati inviati al Comune, al quale spetta disporre l'eventuale sanzione, insieme con la contestazione e la notifica di violazione al "soggetto responsabile" e cioè il proprietario dell'Orrido di Bellano che, in questo caso, risulta essere il Comune stesso.

Così stando le cose, quindi, il sindaco avrebbe dovuto leggere i propri documenti e decidere se autorizzare la multa o optare per il "non luogo a procedere", di fatto cancellandosi, nel rispetto delle regole, ogni onere.

"Più che kafkiana è una situazione stupida ma non voglio prestarmi a questi giochi", così dice Santalucia, chiedendo ad Arpa di ritirare il provvedimento.

"La disposizione - spiega - è sbagliata nel merito: il proprietario della cascata è una società idroelettrica privata e non il Comune, inoltre la quantità d'acqua rilasciata è stabilita dalla Regione. E poi c'è un errore di metodo, gli Enti dovrebbero collaborare tra loro per arrivare a una soluzione, non sanzionare senza un confronto reciproco".

La vicenda è finita al centro di una lettera che il 30 settembre Santalucia ha inviato al prefetto di Lecco, al governatore lombardo, Roberto Maroni e al primo ministro, Matteo Renzi e ora parla di dimissioni, invocando una collaborazione e non già una battaglia tra Enti.

Ragazzi, quanto stress ci facciamo contrarre anche da una (naturalissima) cascata...

Germana Carillo

Foto copertina: orridobellano.it

monge

Monge

20 cose che il tuo cane e gatto non dovrebbero mai mangiare

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram