renzi trivelle

La lotta contro i cambiamenti climatici è la sfida del nostro tempo, dice Renzi a New York davanti ai capi di governo mondiali. Frenare l'aumento globale delle temperature è una sfida ancora possibile, ma di certo le trivellazioni di petrolio per terra e per mare a cui il governo guarda con interesse non sono la soluzione.

E se il premier si mostra conciliante e preoccupato al Summit Onu, in realtà quello che accade in Italia è tutta un'altra storia. I panni sporchi, in questo caso, non si lavano in famiglia. E si cerca di trivellare a dispetto dei famosi “comitatini” che si oppongono alla corsa al petrolio tricolore. Renzi aveva già fatto intendere di strizzare l'occhio all'oro nero. E nonostante le volontà espresse a New York, i fatti parlano chiaro: il decreto Sblocca Italia (ribattezzato da più parti Trivella Italia) che aveva chiamato in causa lo sblocco delle attività estrattive di idrocarburi in Sicilia e Basilicata, riguarda invece tutto il paese. A partire dall'Adriatico.

Il famigerato art. 38 del decreto legge 133/2014, ha già dato di fatto il via libera a tutte le attività di prospezione, ricerca e coltivazione di idrocarburi, svuotando il valore delle valutazioni ambientali e mettendo da parte le Regioni. La denuncia arriva da WWF, Legambiente e Greenpeace che hanno chiesto ai membri della Commissione Ambiente della Camera di abrogare l'articolo, per almeno 7 motivi:

  1. le disposizioni in esso contenute consentono di applicare le procedure semplificate e accelerate sulle infrastrutture strategiche ad una intera categoria di interventi senza individuare alcuna priorità;

  1. trasferiscono d'autorità le VIA sulle attività a terra dalle Regioni al Ministero dell’Ambiente;

  2. forzano le competenze concorrenti tra Stato e Regioni regolate dal Titolo V della Costituzione;

  3. prevedono una concessione unica che riguarda sia la ricerca che la coltivazione contro la distinzione delle norme comunitario tra le autorizzazioni per prospezione, ricerca e coltivazione di idrocarburi;

  4. applicano impropriamente e erroneamente la Valutazione Ambientale Strategica e la Valutazione di Impatto Ambientale;

  5. trasformano in maniera forzata gli studi del Ministero dell'Ambiente sul rischio subsidenza in Alto Adriatico legato sia alle attività di prospezione, che di ricerca e coltivazione di idrocarburi in “progetti sperimentali di coltivazione”;

  6. compiono una distorsione rispetto alla tutela dell'ambiente e della biodiversità rispetto a quanto disposto dalla Direttiva Offshore 2013/13/UE e dalla nuova Direttiva 2014/52/UE sulla Valutazione di Impatto Ambientale.“Verranno quindi favorite le attività estrattive di idrocarburi su tutto il territorio nazionale a discapito della salute, delle economie locali come turismo e agricoltura che mal si conciliano con l'estrazione petrolifera e di altri idrocarburi. Le regioni più interessate oltre a Sicilia e Basilicata saranno Emilia-Romagna, Lombardia, Piemonte, Veneto, Marche, Abruzzo, Molise, Puglia, Lazio, Calabria” ha sottolineato Gianni Girotto, capogruppo del Movimento 5 Stelle nella Commissione Industria e Commercio del Senato.

decreto trivelle

Legambiente

Verranno quindi favorite le attività estrattive di idrocarburi su tutto il territorio nazionale a discapito della salute, delle economie locali come turismo e agricoltura che mal si conciliano con l'estrazione petrolifera e di altri idrocarburi. Le regioni più interessate oltre a Sicilia e Basilicata saranno Emilia-Romagna, Lombardia, Piemonte, Veneto, Marche, Abruzzo, Molise, Puglia, Lazio, Calabria” ha sottolineato Gianni Girotto, capogruppo del Movimento 5 Stelle nella Commissione Industria e Commercio del Senato.

E intanto, mentre il mondo aspetta la Conferenza di Parigi, l'Italia non riesce a guardare nel proprio giardino, faticando a tracciare la roadmap per la decarbonizzazione.

Francesca Mancuso

Foto copertina: Greenpeace

LEGGI anche:

Cambiamenti climatici: l'Ue punta su rinnovabili ed efficienza. E Renzi guarda al petrolio

Governo fossile: dopo spalma incentivi rinnovabili, in arrivo le trivelle?

"Per un pugno di taniche", il dossier di Legambiente contro il petrolio

Un mare di trivelle: 70 nuove piattaforme petrolifere col decreto "Cresci Italia"

Climate Summit 2014, Ban Ki-moon: "Basta parole, riscriviamo la storia" (climate2014)

monge

Monge

20 cose che il tuo cane e gatto non dovrebbero mai mangiare

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram