Continuano le proteste a Copenhagen. Dopo le manifestazioni di ieri provocate dalle indiscrezioni su una bozza di accordo proposta dalla Danimarca, nelle ultime ore gli esiti del summit sono stati resi ancora più complessi non solo a causa della querelle tra i paesi "ricchi" e quelli "poveri" ma anche per colpa di una spaccatura interna alla compagine dei paesi poveri del G77, o per meglio dire in via di sviluppo.

Ieri, infatti, Dessima Williams, rappresentante di Granada e dell'Aosis, l'Associazione dei piccoli stati insulari, ha messo in luce la necessità di un trattato vincolante, più duro del protocollo di Kyoto, nella lotta al global warming. Questi stati, ricordiamo, corrono il rischio di essere sommersi a causa del surriscaldamento.

In prima linea si è schierato Tuvalu, un arcipelago della Polinesia, che ha chiesto e ottenuto una sospensione dei negoziati fino alla soluzione del problema. Ad aderire alla protesta sono stati gli altri membri dell'Aosistra cui le Isole Cook, le Barbados e Fiji, e alcuni paesi africani, come la Sierra Leone, il Senegal e Capo Verde.

Ma qual è la richiesta di tali paesi? Fermare la crescita delle temperature globali a 1,5 gradi centigradi e la concentrazione dei gas serra a 350 parti per milione, contro i 2 gradi e i 450 proposti dai paesi ricchi e da alcuni paesi in via di sviluppo. Soprattutto Cina, India e Sudafrica si sono shcierate apertamente contro questa presa di posizione, perché ne vedono un limite alla loro espansione economica.

La Cina dal canto suo, chiede più tagli alle emissioni di gas serra da parte dei paesi industrializzati, ossia entro il 2020 questi ultimi devono tagliare almeno il 40% rispetto ai livelli del 1990.

Francesca Mancuso

Leggi tutte gli articoli sulla Conferenza di Copenhagen


banner guida pulizie

Scrittori di classe

Come iscrivere la tua scuola a "salvare il Pianeta”, il concorso di Conad e WWF

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
settimana riduzione rifiuti 2018
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram