ecosistemaurbano2013

Ambiente: poco meno della metà della popolazione italiana (il 45%) ha dichiarato nel 2012 di incuriosirsi di tematiche ambientali e 8 cittadini su 10 si informano a riguardo soprattutto attraverso la tv e la radio. È il quadro che emerge dal report ISTAT Popolazione e ambiente: comportamenti valutazioni e opinioni, che fotografa il rapporto che i cittadini italiani hanno con le problematiche legate all'ambiente.

Secondo l'analisi, nel 2012 meno della metà della popolazione italiana ha dichiarato di interessarsi "molto" (8,8%) o "abbastanza" (36%) alle tematiche ambientali mentre, confrontando i dati con quelli relativi al 1998, si registra un interesse crescente solo di 8 punti percentuale, segno che, dopo quasi 15 di osservazione, quasi siamo a zero in quanto a sensibilizzazione.

Ciò vuol dire, che probabilmente, non se ne parla ancora abbastanza e che non abbastanza è stato fatto per coinvolgere i cittadini sui problemi e sui rischi collegati all'ambiente. Dopo 15 anni, si è attenuata la percezione da parte dei cittadini del rischio ambientale a livello locale: l'incidenza di individui che esprimono timori per la vicinanza all'abitazione di impianti potenzialmente nocivi è in leggero calo rispetto al 1998 per tutti i tipi di impianti, tranne che per i ripetitori radio-TV e telefonici.

EFFETTO NIMBY – In calo sì, ma prevale ancora la logica del "Not in my back yard", ovvero ovunque tranne che nel mio cortile. Ed è più o meno questo il senso di quel 73% dei italiani che indica gli inceneritori e le discariche di rifiuti come gli impianti la cui vicinanza alla propria abitazione desta più preoccupazione. Poco più del 40%, invece, teme la vicinanza delle industrie petrolifere o di quelle petrolchimiche e delle industrie chimiche e di quelle farmaceutiche.

figura 2

Tra i problemi ambientali globali, l'emergenza maggiormente sentita riguarda l'inquinamento atmosferico (52%) e lo smaltimento dei rifiuti, percepito come rischio rilevante per il 47% dei cittadini. Altri problemi che sono più "a cuore" sono i cambiamenti climatici, indicati dal 47% della popolazione, l'inquinamento delle acque (38%), l'effetto serra e il buco dell'ozono (35%), le catastrofi naturali come i terremoti, le alluvioni e altri fenomeni da collegare al dissesto idrogeologico (33%). Sembrano meno rilevanti, invece, l'inquinamento acustico (14%), l'estinzione di specie animali (16%), la deforestazione (18%), l'inquinamento elettromagnetico (19%) e l'eccessiva edificazione (20%).

A livello territoriale, l'interesse nei confronti dell'ambiente è maggiore nelle regioni settentrionali (il 51% nel Nord-Est e il 50% nel Nord-Ovest). Il Mezzogiorno, pur avendo compiuto passi avanti rispetto al 1998 e pur avendo storie di estremo degrado che sono sulle pagine dei giornali ogni giorno, è ancora piuttosto indietro (con 38,1%), mentre il Centro si colloca al di sotto degli standard nazionali (43,4%). Il report Istat rivela anche che a interessarsi maggiormente all'ambiente sono gli uomini: il 46,7% contro il 43,2% delle donne.

figura 3

Quanto alla partecipazione in prima persona, siamo ancora ai minimi storici: la presenza a conferenze dedicate temi ambientali si attesta al 5%, l'adesione a iniziative delle associazioni ambientaliste al 3%, l'iscrizione alle associazioni stesse o il finanziamento di iniziative di salvaguardia dell'ambiente al 2%.

Insomma, alla base di tutto vi è una scorretta informazione o la mancanza di approfondimenti? Può darsi: sta di fatto che l'elevata percentuale della popolazione che continua a prediligere i media tradizionali come fonte di informazione sull'ambiente rivela l'urgenza di parlare di più e meglio di tematiche ambientali in radio e in televisione (i mezzi preferiti dalla maggioranza degli italiani), senza limitarsi ad affrontare i problemi solo nei casi di alluvioni, frane, sversamenti di rifiuti illeciti, uragani o emergenze rifiuti varie.

Germana Carillo

LEGGI anche:

- Consumatori e ambiente: l'italiano teme l'inquinamento

- Inquinamento acustico: un italiano su tre da' la colpa ai motorini truccati

I CORSI CHE TI FANNO STARE BENE!

Più di 100 corsi online su Alimentazione, Benessere, Psicologia, Rimedi naturali e Animali a partire da 5€. Test, attestati e la possibilità di vederli e rivederli quante volte vuoi!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su instagram
seguici su facebook
fai la cosa giusta

Dai blog