sacchetto plastica biodiesel

Gli inquinanti sacchetti di plastica possono tornare a nuova vita, trasformandosi in diesel. Anche se farne a meno trovando delle alternative, sarebbe sicuramente una soluzione più vantaggiosa per l'ambiente, un nuovo studio svolto dall'Illinois Sustainable Technology Center, ha trovato il modo di rendere “utile” uno dei principali nemici dell'ambiente.

Durante tale processo, si produce più energia rispetto a quella necessaria per alimentare la reazione. Il risultato è costituito da carburanti per i trasporti, soprattutto diesel, che secondo gli scienziati, può essere mescolato con biodiesel a bassissimo contenuto di zolfo. Ma non solo. Oltre al diesel, dalle buste di plastica è stato possibile ottenere altri prodotti, come il gas naturale, la nafta, la benzina, alcune cere e oli lubrificanti.

Come? La tecnica americana consiste nello scaldare i sacchetti in una camera priva di ossigeno, un processo chiamato pirolisi. Nota anche come piroscissione, essa consiste nella decomposizione termochimica di materiali organici, ottenuta mediante l’applicazione di calore e in completa assenza di un agente ossidante, in questo caso l'ossigeno.

Per dare un'idea, dalla distillazione del petrolio greggio è possibile ottenere solo dal 50 al 55% di carburante, spiega Brajendra Kumar Sharma, a capo dello studio. Ma dai sacchetti, costituiti da petrolio, si può recuperare quasi l'80 per cento per farne carburante tramite distillazione. Studi precedenti avevano utilizzato la pirolisi per convertire i sacchetti di plastica in petrolio greggio. La squadra di Sharma invece ha ulteriormente portato avanti la ricerca sul frazionamento del petrolio greggio in prodotti petroliferi diversi e ha testato le frazioni diesel per vedere se rispettavano le norme nazionali (americane) sui combustibili a bassissimo contenuto di zolfo.

Una miscela di due frazioni distillate, fornendo l'equivalente di diesel # 2, ha soddisfatto tutte le specifiche richieste da altri combustibili diesel in uso oggi, dopo l'aggiunta di un antiossidante,” ha spiegato Sharma. “Questa miscela diesel ha un contenuto di energia equivalente, un numero di cetano più alto e una migliore lubrificazione del gasolio a bassissimo contenuto di zolfo”.

In questo modo, gli americani potrebbero affrontare la gestione dei sacchetti di plastica, anche se non è ancora chiaro cosa comporterebbe un simile processo in termini di produzione di emissioni inquinanti.

Ciò che è certo è che attualmente gli americani buttano via circa 100 miliardi di sacchetti di plastica ogni anno. La US Environmental Protection Agency riferisce che solo il 13 per cento viene riciclato. Il resto finisce nelle discariche o peggio ancora nei corsi d'acqua e in mare. Le conseguenze sono note a tutti, sopratutto agli animali. Le tartarughe, i pesci e molte altre creature trovano spesso la morte a causa delle buste.

Se l'Italia le ha finalmente messe al bando e l' Europa si appresta a seguire il nostro esempio, negli States, a parte alcuni Stati come la California, ancora non se ne parla di dire addio alle inquinanti buste di plastica. Riutilizzarle per produrre carburante può rappresentare dunque una strada da percorrere? Per utlizzare le tonnellate di sacchetti che già circolano per il mondo, forse sì, ma non sarebbe meglio impegnarsi per un cambio radicale di prospettiva che ci affranchi una volta per tutte dalla dipendenza dal petrolio?

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

- Sacchetti di plastica: stop anche in Europa alle buste che inquinano l'ambiente

- 10 idee dal mondo per riciclare le buste di plastica

geronimo stilton

G.Stilton testimonial per Conad

Il popolare topo è testimonial del concorso di scrittura sull'ambiente organizzato da Conad con il WWF. Scopri perché

Orticolario 2018

Fiera Orticolario 2018

Dal 5 al 7 ottobre a Villa Erba (lago di Como) apre la fiera per un giardinaggio evoluto. Tutti gli eventi!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram