climate change

Probabilmente ve ne sarete accorti, il 2013 è stato un anno particolarmente caldo, con temperature superiori alle medie stagionali in vari periodi e in diverse zone del pianeta.

A confermarlo è stata l’Organizzazione Meteorologica Mondiale (Omm) che nella sua Dichiarazione provvisoria sul clima globale nel 2013 l’ha inserito tra i 10 anni più caldi dal 1850 (momento in cui sono iniziate le moderne misurazioni meteorologiche). Più precisamente il 2013 si è posizionato al 7° posto, al pari del 2003.

Il report dell'Omm ha preso in esame i primi 9 mesi del 2013, ovvero da gennaio a settembre, monitorando non solo la temperatura ma anche il livello di innalzamento dei mari. Entrambi i parametri sono preoccupanti: la temperatura media globale ha registrato un +0,48% rispetto alla media dal 1961 al 1990, mentre per quanto riguarda i mari il livello è salito di 3,2 millimetri, il doppio di quanto registrato in media nel corso di tutto il ventesimo secolo.

Le zone dove si sono registrate temperature superiori alla media stagionale sono state in particolare Australia (dove l'estate 2013 sarà ricordata come la più calda di sempre), Nord America, alcune parti della America del Sud, Nord Africa ma anche alcune zone di Asia e Europa.

Quello che preoccupa di più è però il dato relativo al mare, sembra infatti che l’innalzamento delle acque non accenni ad arrestarsi e ciò rende le popolazioni delle zone costiere più a rischio: "Il livello dei mari continuerà ad alzarsi - ha dichiarato il Segretario Generale dell'Omm, Michel Jarraud - per via dello scioglimento dei ghiacci e delle calotte polari. Più del 90% del calore extra generato dai gas a effetto serra è assorbito dagli oceani, che di conseguenza continueranno a riscaldarsi e a espandersi per centinaia d'anni a venire".

Non c’è dubbio che, come ha sottolineato Jarraud, “andiamo verso un futuro più caldo”.

Francesca Biagioli


Leggi anche:

- Varsavia Cop 19: al via la Conferenza sul Clima, ma la Polonia punta sul carbone

- Cambiamenti climatici, IPCC: tutta colpa dell'uomo (#DebateIsOver)

- Tra 100 anni sulla Terra 5 gradi in più

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram