I livelli di mercurio nel pesce dell'Oceano Pacifico molto probabilmente aumenteranno nei prossimi decenni. È quanto suggeriscono i risultati dei ricercatori dell'Università del Michigan, che hanno risolto un mistero di lunga data scoprendo come il mercurio entra nel pesce in mare aperto.

Utilizzando tecniche di misurazione isotopiche, infatti, sono riusciti a stabilire che ben fino all'80 per cento del metilmercurio rilevato nei tessuti dei pesci che vivono nelle profondità del Pacifico vicino alle Hawaii viene prodotto molto probabilmente da batteri che distruggono la materia organica. Questo avviene al di sotto di quello che è conosciuto come lo strato misto superficiale, una regione che si estende fino a circa 165 metri. Anzi continua fino a una profondità di circa 2.000 metri.

Lo studio ha anche confermato che la tossina viaggia attraverso l'aria per migliaia di chilometri prima di depositarsi sulla superficie del mare insieme alle precipitazioni. Le proviene da nazioni industrializzate come la Cina e l'India, che fanno sempre più affidamento sulle centrali elettriche a carbone, una fonte importante di inquinamento da mercurio.

"Questo studio rafforza i legami tra il mercurio emesso dai paesi asiatici e il pesce che si cattura al largo delle Hawaii, che consumiamo in questo paese", ha detto Joel Blum, l'autore principale dell'articolo pubblicato sulla rivista Nature Geoscience. Questo significa, continua Blum, che se abbiamo intenzione "di ridurre efficacemente le concentrazioni di mercurio nel pesce in mare aperto, bisogna ridurre le emissioni globali di mercurio, comprese le emissioni provenienti da luoghi come la Cina e l'India. Ripulire le nostre coste non sarà sufficiente. Si tratta di un problema atmosferico globale".

La principale via di esposizione umana al metilmercurio è proprio il consumo di grandi pesci predatori marini come il pesce spada e il tonno, ma anche balene e delfini. Gli effetti sull'uomo possono includere danni al sistema nervoso centrale, al cuore e al sistema immunitario. Anche il cervello in via di sviluppo dei feti e dei bambini è particolarmente vulnerabile. Questo accade perché i grandi pesci predatori marini mangiano molti pesci piccoli contenenti mercurio e la tossina si accumula nei tessuti di chi è in cima alla catena alimentare attraverso un processo chiamato bioaccumulo.

mercurio-pesce

"Abbiamo scoperto che pesci predatori che si nutrono a profondità più profonde in mare aperto, come il pesce spada, hanno concentrazioni di mercurio più elevate di quelli che si nutrono nelle acque vicino alla superficie, come il tonno pinna gialla - ha aggiunto Brian Popp, un professore di geologia e geofisica presso l'Università delle Hawaii che ha partecipato alla ricerca-. Sapevamo che questo era vero, ma non sapevamo il perché". Almeno fino a oggi.

Roberta Ragni

LEGGI anche:

- Mercurio nel pesce: da dove proviene?
- Pesce: ricco di omega 3, ma anche di mercurio

- Pesce spada al mercurio venduto al mercato di Torino

monge

Monge

20 cose che il tuo cane e gatto non dovrebbero mai mangiare

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram