innalzamento_mari

Il contenimento di alcuni inquinanti potrebbe mitigare il futuro innalzamento del livello del mare. Lo dice un nuovo studio realizzato dalla Scripps Institution of Oceanography dell'Università di San Diego in collaborazione col National Center for Atmospheric Research (NCAR). Basterebbe ridurre 4 inquinanti per abbassare drasticamente l'innalzamento delle acque.

Il tasso annuo di aumento del livello del mare potrebbe infatti essere rallentato fino al 50 per cento entro il 2100 se le emissioni di fuliggine, metano, ozono troposferico e idrofluorocarburi potessero essere eliminati. In particolare, l'aumento cumulato del livello del mare nel periodo compreso tra il 2005 e il 2100 potrebbe essere ridotto dal 22 al 42 per cento con l'attenuazione di questi inquinanti.

Tali agenti sono noti anche come inquinanti climatici di breve durata (SLCP) perché resistono nell'atmosfera solo per periodi che vanno da pochi giorni a un decennio. In confronto, il gas a effetto serra di origine antropica per eccellenza, l'anidride carbonica, rimane nell'atmosfera per più di un secolo.

Non è ancora troppo tardi per evitare cambiamenti climatici disastrosi”, ha detto Veerabhadran Ramanathan, che ha collaborato alla ricerca. "Se stabilizzassimo le concentrazioni di CO2 attorno ad una valore inferiore a 450 parti per milione (ppm) entro il 2100 e riducessimo contemporaneamente gli SLCP, saremmo in grado di limitare il riscaldamento di fine secolo del 50 per cento e di tenerlo sotto i 2° C (3,6 ° F) rispetto alla previsione dei 4º C (7,2 ° F) e ridurremmo il livello dei mari cumulativo del 30 per cento circa”.

Secondo gli esperti, è incoraggiante sapere che gli SLCP contribuiscono per circa la metà nella riduzione del riscaldamento e per i due terzi nella riduzione del livello del mare dal momento che “abbiamo le tecnologie per ridurli”. Senza la stabilizzazione di CO2 al di sotto di 450 ppm, tuttavia, sia il riscaldamento che il livello del mare possono salire a livelli pericolosi dopo il 2100” ammonisce Ramanathan.

La loro breve vita però non coincide con una altrettanto ridotta pericolosità. Molti di questi inquinanti comportano grossi rischi per la salute respiratoria e bloccano la crescita di alcune colture attraverso la disgregazione della fotosintesi. Così, la loro riduzione garantirebbe dei benefici indiretti.

Senza contare che se nulla dovesse cambiare, l'aumento del livello del mare da qui al 2070 metterebbe a rischio 150 milioni di persone in tutto il mondo e 35.000 miliardi di dollari di beni in 20 aree metropolitane.

Francesca Mancuso

Leggi anche:

- Cambiamenti climatici: il livello del Mar Mediterraneo raddoppiato in 10 anni. L'allarme dell'IEO

- Riscaldamento globale: la popolazione di Kiribati sta pensando di evacuare in massa sulle isole Fiji

- Cambiamenti climatici: New York sott'acqua tra 10 anni?

banner guida pulizie

Scrittori di classe

Come iscrivere la tua scuola a "salvare il Pianeta”, il concorso di Conad e WWF

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
settimana riduzione rifiuti 2018
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram