Zucca “mostruosa” di oltre 720 kg vince l’annuale premio come “più pesante” di tutta la Germania

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Con la sua mega zucca da ben 720,5 kg, un uomo della Baviera ha vinto il premio per la zucca più pesante coltivata in Germania nel 2020.

Si chiama Michael Asam, di Heretshausen, e ha ricevuto il riconoscimento come vincitore dell’annuale campionato tedesco di “pesata di zucche”, che si è svolto domenica a Ludwigsburg, nel Baden-Württemberg.

Sebbene Asam sia riuscito a battere di poco la concorrenza di un altro coltivatore, il cui ortaggio pesava 702,6 chili, era molto al di sotto del record assoluto di questo campionato, fissato a 916,5 chili due anni fa.

Alla competizione hanno partecipato 28 zucche da record, e le premiazioni di quest’anno hanno ovviamente risentito del Covid-19, come per esempio per l’assenza di pubblico alla consueta pesatura (o una riduzione del premio in denaro).

L’organizzatore del concorso annuale ha definito la mega zucca “semplicemente impressionante, soprattutto considerando che impiegano lo stesso tempo per crescere delle zucche piccole”.

Fonte CNN

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook