Walmart brevetta api robot per impollinare le colture

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Api robot, in grado di impollinare i fiori per automatizzare sempre di più l’agricoltura. Walmart sta presentando una serie di brevetti basati sui droni. L’obiettivo della multinazionale americana è quello di accorciare la propria catena di approvvigionamento e migliorare l’attività di consegna di generi alimentari. Ma con quali conseguenze?

Il gigante del commercio al dettaglio ha presentato ben 6 brevetti finalizzati all’automazione agricola che prevedono l’utilizzo di api-droni per identificare i parassiti che attaccano le colture, per monitorare i danni, spruzzare i pesticidi e impollinare i raccolti.

La tecnologia punta dunque a cambiare il business dell’agricoltura. Walmart propone sistemi in grado di monitorare i danni alle colture, nonché individuare e identificare i parassiti stessi. I droni possono sparare pesticidi mirati a determinati tipi di colture o semplicemente volare per scacciare gli uccelli, agendo come una nuova generazione di spaventapasseri.

Per fortuna, il brevetto sottolinea che “l’irrorazione chimica delle colture è costosa e potrebbe non essere considerata favorevolmente da alcuni consumatori”.

Ma non è finita. Nei piani di Walmart vi è anche l’ape-drone dedicata all’impollinazione. Secondo la multinazionale, potrebbe aiutare a compensare la perdita di popolazioni di api negli ultimi anni. Queste api-robot trasporterebbero il polline da un fiore all’altro utilizzando anche dei sensori per verificare che il successo del trasferimento.

walmart drone api

Foto

Scelte destinate a contrastare i concorrenti come Amazon, risparmiando potenzialmente sui costi e gestendo i raccolti in modo più efficace.

walmart drone api2

Lo scorso anno, Walmart ha iniziato a offrire consegne di generi alimentari in giornata in determinate aree. Ha acquisito il pacchetto di consegna Parcel. Non è la prima volta in cui la prospettiva della api robot si fa più vicina. Anche l’Università di Varsavia da anni lavora su questo fronte.

Invece di impegnarci a salvare le api, inventiamo inquietanti robot e continuiamo ad avvelenare il mondo. Black mirror è sempre più vicino alla realtà.

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

Foto cover

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook