@lcalek/123rf

Virus lingua blu: oltre 1700 gli ovini morti in Sardegna. In arrivo 120mila dosi di vaccino per fermare l’epidemia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’epidemia da lingua blu fa tremare gli allevatori sardi. Nelle ultime settimane i focolai negli allevamenti ovini dell’Isola si sono moltiplicati, fino ad arrivare a 844. Gli animali morti a seguito della febbre catarrale che colpisce i ruminanti sono circa 1700 finora, mentre quelli che presentono sintomi sono oltre 21mila. L’unica ancora di salvezza per i poveri animali è rappresentata dai vaccini contro il virus. Finalmente, dopo settimane di paure e incertezze, è arrivata una buona notizia che riguarda l’accelerazione del piano vaccinale.

A comunicarlo nelle scorse ore è stato il ministro della Salute Roberto Speranza, che ha annunciato che saranno messi a disposizione della Sardegna 120mila dosi di vaccino.

“Nelle ultime settimane in Sardegna è ripresa la circolazione del virus della Blue tongue negli allevamenti – ha dichiarato Speranza rispondendo al question time alla Camera dei deputati – Già nelle prime notifiche di focolai, la Regione in sinergia con il ministero e il Centro di referenza nazionale presso l’Istituto zooprofilattico dell’Abruzzo e del Molise ha incrementato le misure finalizzate ad effettuare una campagna di vaccinazione straordinaria, e si è concordato di procedere alla vaccinazione nelle zone a maggior rischio di diffusione con l’utilizzo di una scorta di 120mila dosi di vaccino. I servizi veterinari locali saranno supportati da 90 medici veterinari messi temporaneamente a disposizione dall’assessorato regionale all’Agricoltura. Le autorità regionali hanno avviato la ricognizione per un’ulteriore fornitura di circa 600 mila dosi di vaccino. Il mancato completamento dei cicli vaccinali previsti è ascrivibile anche a carenze di personale. La gestione del personale è di competenza degli enti regionali. Gli specializzandi possono essere ammessi fin dal terzo anno alla dirigenza nel Servizio sanitario nazionale. 

Intanto la Regione Sardegna ha annunciato aver stanziato 2,5 milioni di euro che serviranno a risarcire gli allevatori per gli animali deceduti e la conseguente perdita di profitto.

Ma, al di là degli annunci fatti a livello nazionale e regionali, per gli allevatori il timore più grande è che il numero di veterinari impegnato nella campagna di vaccinazione non sia sufficiente per far fronte ad un epidemia che si estende a macchia d’olio e che ha paralizzato un intero settore in Sardegna.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonti: Regione Sardegna/Camera dei deputati

Leggi anche: 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Per la rivista Sicilia e Donna si è occupata principalmente di cultura e interviste. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook