Il cambiamento climatico sta devastando i raccolti di olive in Italia. Parola degli scienziati

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’Italia sta affrontando una grave crisi climatica e i raccolti di olive continuano a diminuir, con un calo di ben il 57% nella produzione di olive. E, secondo uno dei maggiori scienziati del clima, le condizioni meteorologiche estreme sono in cima alla lista degli imputati per la carenza dei raccolti.

Le coltivazioni degli ulivi in ​​tutta Italia sono state devastate lo scorso anno dalle forti piogge, dalle gelate imprevedibili, dalla siccità e dai venti potenti. Tutti questi eventi meteorologici estremi e imprevisti coincidono con ciò che gli scienziati climatici hanno da sempre indicato come le conseguenze del riscaldamento globale.

“Vi sono chiari modelli che indicano come questi tipi di eventi meteorologici estremi siano tra i principali fattori della [bassa] produttività alimentare”, ha spiegato il professor Riccardo Valentini al Guardian.

Quando si tratta di ulivi, qualsiasi brusco cambiamento di temperatura può avere un effetto devastante sul raccolto. Valentini ha spiegato come un giorno o due di temperature molto basse (o molto alte) possono danneggiare gli alberi e danneggiare il loro sviluppo. Dopo aver sperimentato condizioni climatiche estreme, gli alberi non si riprendono mai completamente e sono più suscettibili alle malattie e alle infestazioni da parassiti.

In effetti, maltempo e gelate sono costate agli agricoltori italiani di olio quasi un miliardo di euro nel 2018, a causa del dimezzamento della produzione (-57%), che è scesa ai minimi storici gettando sul lastrico decine di migliaia di aziende, soprattutto al Sud.

È quanto emerge da un’elaborazione della Coldiretti che evidenzia la situazione drammatica della filiera dell’olio in Italia dopo che le calamità hanno portato il raccolto sotto i 185 milioni di chili, il dato peggiore degli ultimi venticinque anni. La situazione più grave in Puglia dove si produce circa la metà dell’olio italiano e si contano perdite per quasi 400 milioni.

Il problema peggiore? È che sappiamo già che ci saranno eventi sempre più estremi e anomali in futuro…

Leggi anche:

Cambiamenti climatici: al 99999% è tutta colpa nostra

10 eventi che ti faranno ammettere l’esistenza dei cambiamenti climatici a casa tua

Cambiamenti climatici nel Mediterraneo: sono più gravi di quanto si pensasse. Lo studio

Roberta Ragni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook