TTIP: rinviato il voto di oggi a Strasburgo, pressioni e petizioni funzionano

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

TTIP, voto rinviato a data da destinarsi. Oggi, mercoledì 10 giugno, a Strasburgo non si voterà sulla relazione Lange dedicata al trattato transatlantico per il commercio tra Unione Europea e Stati Uniti.

La decisione di rinviare il voto è stata intrapresa dal presidente Schulz applicando l’articolo 175 del Parlamento Europeo, dopo una consultazione con il presidente della Commissione Commercio Internazionale. Le motivazioni della decisione sono legate ai 200 emendamenti presentati e alla richiesta di voti separati e con chiamata nominale.

Il rinvio risulta inaspettato dato che proprio negli ultimi giorni i leader internazionali riuniti per il G7 avevano richiesto un accelerazione delle trattative sul TTIP. Evidentemente le pressioni dell’opinione pubblica stanno funzionando.

In Italia negli ultimi mesi si sono rafforzate le attività di divulgazione sui rischi del TTIP per i prodotti in vendita nel nostro Paese e le campagne organizzate da Stop TTIP Italia si sono fatte sempre più accese, fino a portare ad un rinvio del voto previsto per oggi a data da destinarsi.

Pare che per quanto riguarda gli accordi sul TTIP ci siano ancora diverse questioni su cui discutere e da risolvere prima di arrivare al voto. I timori legati al TTIP riguardano soprattutto l’importazione in Europa e in Italia di carne prodotta con antibiotici e ormoni vietati in UE e di prodotti Ogm.

La petizione contro il TTIP lanciata da Stop TTIP Italia ha raccolto ben 2 milioni di firme. L’invito alle istituzioni dell’Unione Europea e dei suoi Stati membri è quello di interrompere le negoziazioni con gli Stati Uniti sul TTIP e a non stipulare l’accordo economico e commerciale globale (Comprehensive Economic and Trade Agreement – CETA) con il Canada.

La pressione della società civile e la raccolta firme per la petizione hanno certamente giocato un ruolo decisivo sul rinvio del voto per il TTIP. I leader del G7 fino a ieri prevedevano di concludere l’accordo per il trattato transatlantico entro la fine del 2015, ma forse dovranno rivedere i propri piani.

Sarà la Commissione Commercio Internazionale (INTA) a vagliare le prossime decisioni sul TTIP ed è proprio verso di essa che dovranno rivolgersi le prossime pressioni della società civile per fermare un accordo considerato rischioso per la sicurezza dei cittadini e per la qualità dei prodotti in vendita.

Firma qui la petizione per dire stop al TTIP.

Marta Albè

Leggi anche:

TTIP più vicino per colpa del G7. Via libera a Ogm e carne clonata?
TTIP: i 12 richi dell’accordo commerciale UE-USA (petizione)
OGM, antibiotici e falsi cibi: l’agroalimentare USA invadera’ le tavole italiane?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook