Testo unico sul biologico, che cos’è e cosa cambia nel mondo bio

Un testo unico sul biologico per mettere finalmente ordine, in un settore che vale tre miliardi di euro e che negli ultimi anni, ha avuto un picco di richieste tra i consumatori.

Nei giorni scorsi la Commissione Agricoltura del Senato ha approvato il Testo unico sull’agricoltura biologica.

Un Testo, dunque, per regolamentare un mercato in crescita su cui finora è stata fatta tanta confusione. Si va così avanti, verso l’approvazione di una legge organica vera e propria, che controlli tutta la filiera produttiva.

Grazie alle disposizioni normative e al decreto ministeriale previsto nel Collegato agricolo, vengono adesso dettate le linee guida da seguire se si decide di produrre alimenti biologici.

LEGGI anche: L’ABC DELL’AGRICOLTURA BIOLOGICA

Nello specifico, come si legge nel testo, la legge vuole promuovere e favorire lo sviluppo e la competitività della produzione biologica, perseguendo le finalità di concorrere alla tutela dell’ambiente e dell’ecosistema, alla salvaguardia della biodiversità, alla salute e all’informazione dei consumatori.

testo unico

Foto: Fb Adriano Zaccagnini

Vengono così disciplinate la produzione, la commercializzazione, l’importazione, l’esportazione, la certificazione e il controllo dei prodotti biologici, nonché l’utilizzo degli stessi prodotti nelle attività di ristorazione collettiva.

LEGGI anche: L’AGRICOLTURA BIOLOGICA NUTRE DAVVERO IL PIANETA

Dieci titoli e 55 articoli che sono una finestra aperta sul mondo del biologico, si inizia con la definizione stessa di ‘produzione biologica’, quella cioè che deve rispettare i procedimenti naturali e adottare metodi che rispettino i cicli naturali, salvaguardino le risorse come suolo, l’acqua e l’aria e in generale la tutela del paesaggio. Senza dimenticare il benessere degli animali e la qualità dei prodotti.

LEGGI anche: IL BIOLOGICO È UNA FREGATURA? QUELLO CHE NON CI È PIACIUTO DEL SERVIZIO DI REPORT

agricoltura biologica

All’articolo 3 si sottolinea poi che la produzione biologica esclude l’impiego di organismi geneticamente modificati e di loro derivati. Ci sono poi, tutte una serie di specifiche che riguardano la filiera e il principio di sussidiarietà sulla responsabilità e i controlli di certificazione.

Per leggere il Testo completo clicca qui

Dominella Trunfio

Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Deceuninck

Finestre e serramenti in ThermoFibra: cos’è e quali sono i vantaggi della loro installazione

TuVali.it

150+ corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ (in collaborazione con GreenMe)

Mediterranea

Come prendersi cura delle mani dopo lavaggi frequenti

Izanz

Piretro: l’insetticida naturale contro le zanzare

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook