@comzeal/123rf.com

Abolizione pesticidi in agricoltura: la Svizzera si prepara a votare storico referendum, primo al mondo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La Svizzera si prepara a votare sull’abolizione dei pesticidi chimici dall’agricoltura nazionale in un clima più che mai diviso fra interessi economici e salvaguardia dell’ambiente. Si tratta del primo paese che compie un passo del genere.

L’iniziativa popolare Per una Svizzera senza pesticidi sintetici ha chiesto e ottenuto l’approvazione di un referendum che chiede l’abolizione definitiva dei pesticidi sintetici in agricoltura (e non solo) nell’arco dei prossimi dieci anni. La decisione riguarderebbe non solo i prodotti coltivati sul territorio nazionale, ma anche la cura di aree verdi e giardini e la protezione di infrastrutture all’aperto (come, ad esempio, i binari ferroviari). Inoltre, non sarà più consentita neanche l’importazione di prodotti agricoli coltivati con prodotti chimici.

Se il Sì passasse, la Svizzera sarebbe il primo paese al mondo a mettere completamente al bando l’uso dei pesticidi sintetici. Un ottimo risultato per un paese già virtuoso: attualmente, infatti, già la metà delle aziende agricole svizzere rinuncia ai pesticidi sintetici in favore di un’agricoltura più sostenibile. L’appuntamento alle urne per il prossimo 13 giugno.

La popolazione e l’opinione pubblica si ritrovano divise su questo tema dal grande impatto sull’ambiente e sulla difesa della biodiversità. Secondo un sondaggio condotto dall’emittente televisiva SSR, il 55% degli elvetici è disposto a votare all’abolizione dei pesticidi chimici dall’agricoltura. Di questi, la maggior parte (ben 65% dei partecipanti) vive in città, mentre solo il 41% dalle campagne.

Il comitato d’iniziativa sostiene: I pesticidi sintetici sono sostanze chimiche molto tossiche che contaminano i fiumi, l’acqua potabile e le derrate alimentari e sono nocive per la salute. La procedura per la loro omologazione in Svizzera sarebbe troppo lassista e causerebbe la contaminazione dell’acqua potabile. Lo scopo dell’iniziativa è liberare la Svizzera da questi veleni.

(Leggi: Bayer, respinto il ricorso sui pesticidi neonicotinoidi: la Corte di giustizia europea salva le api)

Sul fronte del No schierati Parlamento e Governo, che teme un aumento di prezzi di produzione e una difficoltà nell’approvvigionamento dei prodotti. La Svizzera, infatti, importa dall’estero più del 60% dei prodotti agricoli consumati annualmente sul territorio nazionale e vietare le importazioni di prodotti coltivati con pesticidi sintetici minerebbe enormemente la stabilità economica del paese.

Per il Consiglio federale e il Parlamento il divieto richiesto è eccessivo: Esso limiterebbe l’approvvigionamento di derrate alimentari svizzere e la scelta di derrate alimentari importate. Nell’ambito della produzione le norme igieniche sarebbero più difficili da rispettare. Il divieto violerebbe inoltre accordi commerciali internazionali.

Fonte: Portale del Governo Svizzero

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Ho 25 anni e sono laureata in Lingue Straniere. Sono da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile. Tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook