Sprechi alimentari: a Natale gli italiani butteranno via 500.000 tonnellate di cibo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il 5% dei cibi che compriamo per i pranzi e le cene delle feste di Natale non verrà consumato e finirà dritto dritto nel cassonetto. In testa alla classifica degli sprechi alimentari, troviamo frutta, verdura, pane, latticini e carne, che risultano tra i generi alimentari più soggetti allo spreco, soprattutto durante il periodo natalizio.

A tracciare questo quadro così inquietante è la CIA– Confederazione italiana agricoltori – che evidenzia lo spreco di risorse alimentari e il relativo danno per l’ambiente: una tonnellata di rifiuti alimentari produce ben 4,2 tonnellate di C02.
Ma vediamo nel dettaglio le cifre dello spreco fornite dalla confederazione.
Secondo i dati della CIA, ogni anno nei nostri cassonetti finiscono ben 25 milioni di tonnellate di alimenti (che potrebbero essere consumati, conservati o riciclati), ovvero la metà delle importazioni alimentari totali dell’Africa.

Di questi 25 circa 18 tonnellate provengono da case private, negozi, ristoranti, hotel e aziende, le altre 7 tonnellate vanno perdute e distrutte nel tragitto che percorrono dalle fattorie o dai campi ai negozi. Il tutto per una spesa complessiva di 37 miliardi di euro, che corrisponde al 3% del nostro Pil. Questi i dati relativi al quotidiano, ma cosa succede durante i picchi di spreco che si verificano a Natale?
Durante le Feste, tra la Vigilia, il pranzo di Natale, Capodanno, il primo dell’anno e l’Epifania, il totale dei cibi che verranno gettati via ammonta a 500.000 tonnellate!
Uno schiaffo a chi soffre la fame, ma anche all’ambiente e alle tasche delle famiglie italiane, che ogni anno gettano nel cassonetto un valore di 80 euro. E allora perché non cominciamo, in pieno spirito indicato da Vandana Shiva, a riciclare gli avanzi inventando nuove ricette con i cibi che non sono stati consumati interamente? Qui ci sono alcuni spunti con ricette dall’antipasto al dolce

Verdiana Amorosi

Leggi tutti i nostri articoli sul Natale 2010

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook