Si laurea e chiede in regalo un pezzo di terra: ‘ spezie e piante aromatiche sono il mio futuro’

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Roberto Carbone in occasione della sua laurea ha chiesto ai genitori un regalo decisamente particolare: un pezzo di terra da coltivare per costruirsi il proprio futuro.

24 anni di Catania, Roberto ha concluso il percorso triennale in Scienze e tecnologie alimentari e sogna di diventare imprenditore agricolo. Per questo, invece di altri regali costosi in occasione della laurea, ha preferito scegliere di avere un terreno da poter utilizzare per iniziare subito a lavorare e che i genitori prontamente hanno acquistato a Trecastagni.

Il giovane ha avviato una coltivazione di piante aromatiche e spezie seguendo la passione per la terra del nonno che aveva un appezzamento a Nicolosi e coltivava le viti per fare il vino. Giovane coscienzioso, Roberto sapeva che dedicarsi alla produzione di vino era troppo per lui:

“fare vino sarebbe stato troppo impegnativo dal punto di vista economico – e così, restando con i piedi per terra, ho deciso di coltivare e trasformare piante aromatiche mediterranee”

E’ nata così la sua azienda “Sari” che si trova all’interno del Parco dell’Etna ad un’altezza fra i 650 e i 700 metri. Qui nel mese di maggio le piante aromatiche vengono lavorate e imbustate in un piccolo laboratorio. Il tutto è fatto a mano, soprattutto dalla mamma di Roberto, Marisa, che ogni volta che non deve dare lezioni di latino e greco aiuta nell’azienda agricola.

Nel terreno di Roberto è possibile trovare rosmarino, origano, peperoncini, lavanda, elicriso e zafferano, questi vengono trasformati in aromi per la cucina ma anche utilizzati per realizzare particolari marmellate e confetture come quella a base di “mele cola”, varietà tipica dell’Etna che  viene abbinata al rosmarino. Ma ci sono anche quella di pere coscia e fiori di lavanda e di peperoni e peperoncino.

Marisa è molto orgogliosa della scelta coraggiosa e fuori tendenza del figlio:

“E’ una scelta la sua che abbiamo apprezzato particolarmente, non solo perché crediamo che abbia delle doti imprenditoriali, ma perché l’amore per la natura, la cura, lo studio, la dedizione ad una terra da salvaguardare sono tutti obiettivi che i giovani prima e meglio di noi, si sono messi davanti. Saranno loro a fare le spese di una politica che ha straziato e continua a straziare il territorio, una risorsa che non è infinita. Ragazzi che fanno anche la scelta di restare qui per investire sul territorio, per me sono degli eroi”.

Roberto sogna in grande e il suo obiettivo è ora far conoscere i suoi prodotti all’estero dove, il giovane è convinto, saranno ancora più apprezzati. Potrà così diventare economicamente stabile e costruirsi una famiglia nel luogo in cui è nato che ama e protegge a tal punto da voler far tornare ad abitarci stabilmente anche amici espatriati altrove:

“C’è un ragazzo che sto cercando di far rientrare a Catania, lavora alla Fao e parla quattro lingue. Lo voglio portare qui per fargli godere il silenzio di questo luogo. Certe mattine si sentono solo le api che ronzano, un suono che non ha prezzo”

Speriamo che Roberto riesca a coinvolgere altri giovani e a farli riflettere sul fatto che scommettere su se stessi e sulla propria terra può dare buoni frutti.

Foto di Carmen Greco 

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook