Serre fotovoltaiche: il connubio perfetto per ambiente e agricoltura

serre-fotovoltaiche

A cercare con Google le parole “Serre fotovoltaiche” non si trova granché: qualcuno che ne parla, due o tre aziende che se ne occupano, diverse immagini, quelle sì, ma più di progetti da realizzare che di progetti realizzati… eppure, l’applicazione di pannelli solari sulla superficie esterna di serre adibite all’agricoltura (o al florovivaismo) non rappresenta solo uno degli infiniti utilizzi dell’energia solare, ma anche un connubio perfetto per la salvaguardia dei terreni agricoli da un lato e per la tutela dell’ambiente dall’altro. È infatti un’ottima soluzione per evitare l’ulteriore consumo di territorio nonché l’incremento indiscriminato dei prezzi dei terreni ancora liberi.

Ignorate dalla legislazione nazionale, come testimonia anche l’ultimo decreto sulle rinnovabili approvato nei giorni scorsi, le serre fotovoltaiche stanno diventando però degli strumenti presi in considerazione seriamente dalle amministrazioni locali. Così se lo scorso luglio, come abbiamo visto, la Regione Sardegna ha disciplinato con una normativa ad hoc le prime serre fotovoltaiche d’Italia, è stato presentato in questi giorni dall’Università degli studi di Perugia, un progetto del valore complessivo di 25 milioni di euro.

In quest’ultimo caso le serre fotovoltaiche saranno costruite nelle zone di Casalina di Marsciano e di Castiglione del Lago, copriranno una superficie di 4 ettari e avranno una potenza installata di circa 6 MW. Un progetto innovativo, all’avanguardia nel nostro Paese, che vede l’Ateneo protagonista insieme a soggetti privatiha detto il Rettore Francesco Bistoni nel corso della presentazione; – Si punta sulle energie rinnovabili, ma anche a cambiare le nostre aziende agricole rispetto alle attività di tipo tradizionale. Quello che proponiamo potrebbe diventare un modello da esportare in Italia e all’estero

Già, un modello da “esportare”… in Italia. Suona paradossale, ma è proprio così: il Conto Energia 2011 non prevede alcun tipo di incentivo o aiuto a questa particolare applicazione del fotovoltaico, così al cittadino, ancora una volta, non resta che arrangiarsi. Per quanto riguarda Perugia, ad esempio, i terreni e il know-how saranno messi a disposizione dalla Fondazione Agraria dell’Università degli Studi di Perugia, mentre l’investimento è stato fatto da un imprenditore privato. È significativo che sia l’Ateneo a farsi promotore dell’iniziativa, divenendo ‘imprenditore’, e che si collabori con il mondo dell’impresaha detto la Presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini; per poi aggiungere: – come Regione, accompagneremo le imprese verso progetti come questi, guardando da un lato all’utilizzo delle energie rinnovabili, dall’altro alla tutela del paesaggio e del territorio che rappresentano una grande risorsa dell’Umbria.

E dell’intero paese, verrebbe da aggiungere.

Roberto Zambon

Leggi tutti i nostri articoli sulle Serre fotovoltaiche

Direttore responsabile ed editoriale di greenMe. Ha una laurea in Scienze della comunicazione e un'esperienza pluriennale negli uffici stampa. In greenMe ha trovato il modo di dare sfogo alla sua "natura" più vera.
Hello Fish!

Preservare i nostri mari un passo alla volta, a partire dalla stagionalità del pesce

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

Salugea

Come fare incetta di vitamina D in inverno per evitare una carenza

Coop

Mini-muffin al cioccolato serviti e cotti nella buccia di clementine

Coop

Le bottigliette d’acqua riciclate del Jova Beach Party diventano t-shirt sportive

Caffè Vergnano

Regali di Natale: un’idea personalizzata e green per la persona che ami

Seguici su Instagram
seguici su Facebook