La libera scuola contadina di Mondeggi dove imparare gratuitamente a prendersi cura della terra

scuola-contadina

Vi piacerebbe imparare l’arte contadina? La scuola libera e gratuita di Mondeggi potrebbe fare al caso vostro! Nello scenario della fattoria occupata, da gennaio a maggio ritorna l’appuntamento con le lezioni pratiche e teoriche per svolgere al meglio i lavori della terra.

Torna anche nel 2018 la scuola contadina di Mondeggi, un appuntamento biennale che si svolge in una fattoria occupata (la chiamano la Fattoria Senza Padroni) a Bagno a Ripoli, provincia di Firenze.

In questi spazi si svolgono non solo tutti i lavori tipici del mondo agricolo ma anche importanti momenti di socialità e condivisione di un progetto che riguarda la terra.

La particolarità di questa originale scuola sta proprio nel fatto di essere autogestita oltre che ad accesso libero e assolutamente gratuita. Un luogo perfetto, dunque, per avvicinare tante persone alla terra e al lavoro agricolo.

I corsi

Il corso è articolato in diverse materie e si svolgerà durante i mesi che vanno da gennaio a maggio. Non solo come prendersi cura di un orto, di una vigna o di un uliveto, le lezioni spazieranno dall’apicoltura all’allevamento di animali, dall’erboristeria ai laboratori per fare pane e birra fatti in casa.

Insomma sono presenti quasi tutti i settori dell’agricoltura i cui segreti verranno svelati nel corso di incontri e seminari tenuti da contadini, tecnici, agronomi e professori.

scuola contadina
scuola contadina2

Nello specifico il programma comprende i seguenti argomenti:

  • Viticoltura
  • Olivicoltura
  • Apicoltura
  • Orticoltura
  • Micologia
  • Laboratorio di birrificazione
  • Allevamento
  • Seminativi
  • Laboratorio di panificazione
  • Erboristeria

scuola contadina2018

L’attenzione sarà posta principalmente sull’agricoltura biologia ma verranno comunque affrontati anche i metodi di coltivazione convenzionale.

A chi si rivolge il progetto

L’idea di fondo del progetto è quella di condividere il sapere e trasmetterlo alle persone interessate in modo tale che nascano nuove generazioni in grado di prendersi cura al meglio della terra nell’ottica del saper fare. L’obiettivo è quello di creare una sorta di rete in grado di riappropiarsi della sovranità alimentare non delegando più un aspetto tanto importante della propria vita sempre e solo agli altri.

Come scrivono gli ideatori sul loro blog:

“Questa scuola la dedichiamo a chi lavora nei campi e vuole aggiornamenti sulle nuove tecniche, a chi vuole studiare e non ha avuto la possibilità di farlo e a chi vorrebbe condividere quello che negli anni ha imparato e a chi semplicemente vuole avvicinarsi per la prima volta alla terra”.

Per conoscere altre esperienze del genere leggi anche:

Francesca Biagioli

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

Seat

Auto a metano, il self service darà una nuova spinta?

Germinal Bio

10 idee da mettere dentro il cestino da picnic e accontentare tutti

Yves Rocher

Premio Terre de Femmes e l’impegno di Yves Rocher nella tutela dell’ambiente

corsi pagamento

seguici su facebook