Dopo il caldo record e l’allarme siccità… ora arrivano le gelate: a rischio fino al 90% della frutta

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Quello che stiamo vivendo è un febbraio particolarmente anomalo, con temperature primaverili che potrebbero mettere a rischio i raccolti, ma anche la produzione di miele.

L’agricoltura risente più di qualsiasi altra attività delle conseguenze della crisi climatica: condizioni meteorologiche anomale ed eventi estremi portano a perdite dei raccolti che si traducono in perdite economiche di diversi miliardi di euro.

Nei giorni scorsi i termometri hanno raggiunto e superato i 20°C in diverse zone del Paese e, sebbene primavera primavera anticipata di quasi 40 giorni possa sembrare piacevole, le conseguenze su frutta e verdura potrebbero essere disastrose.

Le giornate calde e soleggiate stanno provocando il risveglio della vegetazione, che si traduce in una fioritura anticipata degli alberi da frutto e nell’emissione prematura di nuove foglie per le piante orticole.

Tra marzo e aprile, però, il freddo potrebbe tornare con correnti gelide su tutta l’Italia, stroncando la produzione e causando perdite di frutta estiva e invernale comprese tra il 60 e il 90%.

Non solo: oltre al rischio di gelate tardive, esiste anche il pericolo dato dalla presenza di insetti esotici invasivi come la cimice asiatica che, proprio grazie alle temperature elevate, riescono a proliferare e a minacciare le coltivazioni.

In alcune regioni italiane, poi, è già allarme siccità. In Sicilia, le temperature invernali sopra la media, l’assenza di piogge e il vento rendono impossibile la nuova semina dei terreni, che risultano troppo aridi.

Il caldo e la siccità, oltre a compromettere le fioriture, potrebbero mettere in difficoltà anche le api, influenzando negativamente la produzione di miele.

Insomma, questa primavera prematura avrà un vero e proprio effetto domino su tutti gli ecosistemi e, oltre a causare ripercussioni sui raccolti e sull’attività degli insetti, potrebbe essere l’anticipo della stagione estiva più calda degli ultimi 100 anni.

“Quello che stiamo vivendo impone interventi immediati. Se continua così i problemi aumenteranno  e dobbiamo essere pronti a fronteggiare l’emergenza con piani adeguati. I danni e le conseguenze dei cambiamenti climatici sono ormai sotto gli occhi di tutti e occorre agire subito per prepararsi ai prossimi mesi”, ha commentato Francesco Ferreri, presidente di Coldiretti Sicilia.

Fonti di riferimento: Il Meteo/Coldiretti Sicilia/Coldiretti Bergamo/Fruit book magazine

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook