I misteriosi e sospetti semi arrivati dalla Cina: aumentano i casi in tutto il mondo (e i governi invitano a non usarli)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I misteriosi cinesi inviati ad alcuni americani e giapponesi senza alcun ordine stanno arrivando anche ai cittadini francesi. La minaccia sembrava riguardare solo gli Usa, ma non è più così.

Il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti aveva messo in guardia su questi pacchi non richiesti la cui origine era sconosciuta. Poi era accaduto anche al Giappone dove i residenti hanno ricevuto gli stessi sacchetti contenenti questi misteriosi semi cinesi. E oggi tocca alla Francia.

Per questo il governo francese ha deciso di mettere in guardia i cittadini invitandoli a non piantare i semi ricevuti anonimamente.

“A fine luglio, negli Stati Uniti e in Canada, pacchetti di semi provenienti dalla Cina, nella maggior parte dei casi, sono stati ricevuti da persone che non li avevano ordinati. Persone che vivono in Francia hanno appena segnalato situazioni identiche. Anche il Regno Unito deve affrontare un problema simile, così come Israele. Questi semi di origine sconosciuta possono essere vettori di malattie non presenti sul territorio francese o rivelarsi piante invasive. Ecco perché è fondamentale non disperderli. Pertanto, se ricevi pacchetti di semi non richiesti, ti viene chiesto di metterli in un sacchetto di plastica e gettare questo sacchetto ben sigillato nella spazzatura domestica in modo che i semi possano essere distrutti” è l’appello del Ministero dell’Agricoltura francese.

Prima di disfarsene, le autorità invitano anche a inviare le foto delle confezioni a un’apposita sezione del Ministero che sta conducendo le indagini usando l’email: [email protected].

“In caso di contatto con i semi, si consiglia inoltre di lavarsi bene le mani e, se necessario, disinfettare qualsiasi oggetto che sia stato a contatto con essi” si legge nell’appello.

Ma da dove vengono questi semi e perché vengono ricevuti dai cittadini francesi che non hanno ordinato nulla? Sembra che i rivenditori cinesi stiano utilizzando questa tecnica nota come brushing scam per ottenere buone recensioni. Essi inviano i semi, di scarso valore, a indirizzi esistenti. E quando un cliente non li rimanda indietro, viene pubblicata automaticamente una recensione positiva. I venditori cinesi approfitterebbero quindi di questo difetto per aumentare artificialmente il rating dei loro negozi.

A prima vista, niente di cui preoccuparsi per i francesi che avrebbero ricevuto questi misteriosi semi. Ma la cosa consigliabile è seguire le indicazioni del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari.

E in Italia?

Nel nostro paese non sono ancora stati segnalati casi simili ma qualora doveste ricevere una busta sospetta contenente semi non usatela ma segnalate l’accaduto alle autorità.

Fonti di riferimento: Ministero dell’Agricoltura francese,

Leggi anche:

Centinaia di americani stanno ricevendo semi sospetti dalla Cina: le autorità invitano a non aprirli, né piantarli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
TuVali.it

150+ corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ (in collaborazione con GreenMe)

Deceuninck

L’importanza della luce naturale in casa e come ottenere giochi di luce con qualche accortezza

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook