Troppo inquinato per produrre cibo. Il terreno della Cina e’ incoltivabile

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Circa 3,33 milioni di ettari. È la quantità di terreno agricolo della Cina troppo inquinato per essere coltivato, per via dei metalli pesanti e di altre sostanze chimiche che lo hanno reso inutilizzabile per produrre cibo.

Lo ha detto un funzionario del Governo, Wang Shiyuan, mettendo in evidenza un problema, quello dell’inquinamento della terra, che finora è rimasto oscurato dall’allarme sull’eccessivo smog e sulla contaminazione delle acque.

Ma l’inquinamento terrestre sta diventando sempre più diffuso e sta guadagnando l’attenzione dell’opinione pubblica e dei mass media, anche per via dei recenti scandali alimentari (basti pensare alla scoperta del riso contaminato da alti livelli di cadmio venduto nella metropoli di Guangzhou). L’area interessata da questo problema rappresenta circa il 2 per cento dell’intera superfice coltivabile cinese, ma, secondo alcuni scienziati, le stime governative sono troppo ottimistiche.

Sarebbe ben più elevato, infatti, il numero di terre non più coltivabili. Si parla addirittura di un quinto del totale. Come si è arrivati a tanto? Facile capirlo, se si pensa alla crescita esplosiva dell’industria cinese, all’uso eccessivo di prodotti chimici agricoli e alle misure di tutela ambientale praticamente inesistenti. Tutto questo ha lasciato che le campagne venissero contaminate da piombo, cadmio, pesticidi e altre tossine pericolose per ambiente, animali e uomo.

Wang, comunque, rassicura ( anche se fornire alcun dettaglio specifico): il governo sta lavorando a un piano a lungo termine e prevede di spendere diverse decine di miliardi di yuan per le bonifiche. Un possibile approccio potrebbe essere quello di piantare alberi o altra vegetazione per assorbire i metalli pesanti dal terreno. Se non ci riuscirà, in ogni caso, non solo la catastrofe ambientale peggiorerà, ma la Cina non saprà più garantire abbastanza cibo alla sua popolazione in continua crescita.

Roberta Ragni

LEGGI anche:

Cina: i “villaggi del cancro” esistono davvero. Lo ammette il Governo
Cina: case costruite su terreni contaminati da pericolosi agenti inquinanti
Cina: pena di morte per chi inquina

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook