Glifosato: la Toscana verso la messa al bando, in nome del principio di precauzione

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La Toscana si muove verso la messa al bando del glifosato. Dopo il caso della Calabria, un’altra regione italiana si mette in gioco per dire addio all’erbicida classificato come probabilmente cancerogeno per l’uomo dallo Iarc.

Mentre la Calabria ha deciso di non concedere più sussidi economici alle aziende agricole che utilizzano il glifosato, ora il Consiglio Regionale della Toscana ha approvato all’unanimità la mozione “Principio di precauzione e glifosato”.

Leggi anche: CALABRIA, LA REGIONE CHE HA VINTO LA BATTAGLIA CONTRO IL GLIFOSATO

La mozione impegna la Giunta regionale della Toscana a:

  • Rimuovere il glifosato da tutti i disciplinari di produzione
  • Escludere immediatamente dai premi del Programma di Sviluppo Rurale le aziende che ne facciano uso
  • Sostenere sul territorio approcci agro-ecologici per migliorare la fertilità dei suoli
  • Diversificare le produzioni
  • Aumentare la capacità di sequestro di carbonio
  • Garantire raccolti adeguati
  • Affrontare il controllo dei parassiti e delle erbe seguendo e monitorando le dinamiche naturali
  • Seguire il principio di precauzione

La mozione impegna la Giunta regionale ad intervenire presso il Governo per l’applicazione del principio di precauzione a livello nazionale ed europeo, in nome della tutela della salute pubblica, vietando definitivamente e in maniera permanente la produzione, la commercializzazione e l’uso di tutti i prodotti fitosanitari che contengano il principio attivo “glyphosate”.

La Toscana si pone a fianco del grande movimento di cittadini che in Italia e in Europa ha costruito la campagna transnazionale per bandire il glifosato, lanciando l’Iniziativa dei Cittadini Europei (ICE) in corso da quest’anno.

Leggi anche: GLIFOSATO, COME ADERIRE ALL’ICE PER IL DIVIETO TOTALE (#STOPGLYPHOSATE)

stop glifosato

È inoltre attiva la campagna #stopglifosato a cui anche GreenMe partecipa per supportare la volontà di mettere al bando le sostanze pericolose per la salute e per l’ambiente utilizzate in agricoltura e per il diserbo.

Leggi anche: EMERGENZA GLIFOSATO: TOGLIAMO QUESTO VELENO DAI NOSTRI SUPERMERCATI (PETIZIONE #STOPGLIFOSATO)

Ricordiamo che lo Iarc, agenzia dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e massima autorità globale in campo oncologico, ha accertato che il glifosato è cancerogeno per gli animali ed è un potenziale cancerogeno per gli esseri umani e che secondo gli ultimi dati Ispra proprio il glifosato è presente tra le sostanze che inquinano il fiume Po.

Leggi anche: GLIFOSATO, PESTICIDI E INTERFERENTI ENDOCRINI NEL FIUME PO: IL NUOVO RAPPORTO ISPRA

Per dire stop al glifosato segui la campagna #stopglifosato e scopri come aderire all’ICE.

Marta Albè

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook