Glifosato: in Francia scatta il divieto anche per orti e giardini privati

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

In Francia da ieri, primo gennaio 2019, è stattato il divieto di acquisto del pesticida anche per i privati che non potranno più utilizzarlo in orti e giardini

Mentre si rimane in attesa di uno stop definitivo all’utilizzo del glifosato arriva una buona notizia: da ieri, primo gennaio, in Francia, i privati non potranno più acquistare prodotti che contengono l’erbicida Roundup della Monsanto.

L’Unione europea l’ha salvato per altri cinque anni e il pesticida più famoso al mondo indicato dallo Iarc come potenzialmente cancerogeno continua ad essere in circolazione e non solo nelle colture intensive.

Ne abbiamo parlato più volte, dai cracker fino al gelato dai cereali per la colazione al miele fino alla pasta e perfino alla birra, sono tantissimi i prodotti alimentari che contengono glifosato.

Come arriva nelle nostre tavole è molto semplice: il pesticida viene spruzzato direttamente su alcune colture come mais, soia, grano e avena. Molti agricoltori lo usano anche nei campi prima della stagione di crescita, compresi i coltivatori di spinaci e i produttori di mandorle.

Adesso la buona notizia è che in Francia da questo gennaio non è più possibile per un privato comprare prodotti a base glifosato nei negozi, né impiegarlo in giardini e orti. Sappiamo che il problema sono le colture su base industriale, ma non possiamo ignorare che la Francia è pioniera.

Peccato non poter dire la stessa cosa dell’Italia dove l’utilizzo del glifosato è vietato solo “in parchi giardini, campi sportivi, aree di gioco per bambini, cortili ed aree verdi interne, complessi scolastici e strutture sanitarie”.

In secondo luogo, il divieto riguarda l’utilizzo in agricoltura durante il raccolto e la trebbiatura o quando i prodotti della terra sono ormai prossimi a finire nelle nostre tavole.

Ma tutto questo, vista la situazione, non basta.

Leggi anche:

Dominella Trunfio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook