Glifosato: il 100% delle donne italiane incinte presenta traccia dell’erbicida (#StopGlifosato)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Glifosato e gravidanza: 14 donne incinte su 14 esaminate sono risultate positive alla ricerca di glifosato nelle loro urine. È quanto emerge dalle analisi condotte dal Salvagente che, in collaborazione con l’associazione A Sud, ha preso in esame i valori di donne incinte italiane che vivono lontano da aree agricole.

Risultato? Anche chi non vive vicino ai campi, potrebbe ingerire tramite gli alimenti che si portano in tavola, questo erbicida sospettato di essere cancerogeno e genotissico.

LEGGI anche: GLIFOSATO: TRACCE DI VELENO NELLA PASTA E NEI CIBI CHE MANGIAMO TUTTI I GIORNI (LE MARCHE)

Il 100% delle 14 donne incinte sottoposte ad analisi, insomma, sono risultate “positive”. I quantitativi di glifosato riscontrati variano da 0,43 nanogrammi per millilitro di urina fino a 3,48 nanogrammi. Non si sa se sono pochi o già troppi: quel che è vero è che questo potente erbicida brevettato dalla multinazionale Monsanto Company – ma oggi di libera produzione – e classificato come probabile cancerogeno dallo Iarc, l’Agenzia di ricerca sul cancro dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, non dovrebbe essere presente nel nostro organismo, né tanto meno in quello di donne che aspettano un bambino.

Ci sono numerosi dati sperimentali condotti su cellule placentari ed embrionali umane che dimostrano come il glifosato induca necrosi e favorisca la morte cellulare programmatachiarisce Patrizia Gentilini, oncologa e membro del comitato scientifico di Isde – Quindi si tratta di una sostanza genotossica oltre che cancerogena, come ha stabilito la Iarc, non dimenticando che l’erbicida agisce anche come interferente endocrino”.

Ma, in buona sostanza, quali sono realmente i rischi che corrono quelle donne incinte? Ebbene, gli studi finora esaminati non sono ancora in grado di identificare l’effetto continuativo e di accumulo della sostanza nei nostri corpi, che pare comunque accertato arrivi in prima linea tramite l’alimentazione. Non solo pane, pasta, farina e altri prodotti a base di farina, ma oltre l’85% dei mangimi utilizzati in allevamenti sono costituiti da mais, soia, colza Ogm, resi resistenti al glifosato.

Glifosato campi

Sul glifosato, potrebbero interessarti anche:

Quello che appare evidente è che il glifosato è accumulato nei nostri corpi. Afferma Maria Grazia Mammuccini, portavoce della Coalizione #StopGlifosato: “se gli organismi di controllo – molti dei quali purtroppo annoverano nei loro board scientifici consulenti di grandi aziende multinazionali – non sono in grado di gestire i problemi posti dalla pervasività dei pesticidi, i cittadini europei devono prendersi in prima persona la responsabilità della loro salute. Oggi questa possibilità ci viene data firmando l’ICE: servono un milione di firme da qui a poche settimane, oggi siamo a quota 800 mila. Chi ha a cuore la sua salute e quella dell’ambiente può e deve firmare sul www.stopglifosato.it“.

Firma qui la petizione ICE.

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook