Glifosato: sospeso il rinnovo dell’autorizzazione europea per l’erbicida cancerogeno

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La Commissione Europea ha deciso di rinviare ogni decisione sul rinnovo dell’autorizzazione all’utilizzo del glifosato in UE. Di recente l’OMS ha inserito il glifosato tra le sostanze probabilmente cancerogene per l’uomo.

Il voto europeo sul glifosato in programma per la giornata di ieri è stato cancellato. Ci si aspettava forse che i 28 Stati Ue riuniti a Bruxelles appoggiassero la volontà della Commissione Europea di rinnovare l’autorizzazione per il glifosato fino al 2031, negli interessi delle multinazionali. L’Italia aveva però già espresso in precedenza, tramite i ministri Martina e Lorenzin, il proprio parere contrario, insieme alla Francia e all’Olanda. La riunione a Bruxelles si è conclusa senza una votazione. La discussione sul glifosato potrebbe riprendere a maggio.

L’Italia e altri Paesi hanno reso note le proprie preoccupazioni sul legame tra glifosato e cancro e dunque la Commissione Europea al momento ha deciso di sospendere qualsiasi decisione sul glifosato. Il glifosato è il principio attivo di base per la produzione degli erbicidi in vendita in tutto il mondo, compreso l’erbicida Roundup di Monsanto, che risulta il prodotto più diffuso. Gli erbicidi a base di glifosato non vengono impiegati solo in agricoltura ma anche per la manutenzione dei parchi, per la pulizia delle strade e nell’hobbistica.

La diffusione del glifosato è sempre più preoccupante. Di recente ne sono state trovate delle tracce nelle birre tedesche e persino nei salvaslip ecologici. Rinnovare l’autorizzazione del glifosato significa permettere che gli erbicidi che lo contengono vengano utilizzati in Italia e in Europa per altri 15 anni.

Sarà l’Agenzia europea per le sostanze chimiche (ECHA) a valutare l’impatto sanitario del glifosato in modo che l’Unione Europea possa giungere ad una propria classificazione ufficiale a seguito del pronunciamento dell’OMS, avvenuto tramite lo IARC nel 2015.

Secondo Greenpeace, il glifosato non può e non deve essere rinnovato prima che l’Agenzia europea per le sostanze chimiche renda nota la propria valutazione su questa sostanza in merito a cui al momento esistono pareri scientifici contrastanti.

Ufficialmente l’autorizzazione europea all’erbicida più impiegato al mondo scade alla fine di giugno. Al momento però la situazione rimane in una fase di stallo in attesa del parere che verrà espresso dall’ECHA. Non possiamo dunque ancora sapere se il glifosato dopo il mese di giugno potrà ancora essere impiegato in Italia e in Europa.

L’Agenzia europea per le sostanze chimiche ha già avviato delle ricerche in merito al glifosato. Inoltre è disponibile online il rapporto di Greenpeace ‘Tossico come un pesticida’ che fa chiarezza sulle sostanze chimiche potenzialmente pericolose per l’uomo e per l’ambiente utilizzate in agricoltura e non solo.

Clicca qui per supportare la campagna #StopGlifosato.

Firma qui la petizione per fermare Monsanto.

Marta Albè

Leggi anche:

GLIFOSATO: L’EUROPA VUOLE AUTORIZZARLO, DICIAMO NO (PETIZIONE)

GLIFOSATO: LA FRANCIA VUOLE METTERE AL BANDO GLI ERBICIDI CHE LO CONTENGONO

GLIFOSATO IN EUROPA: QUANDO GLI INTERESSI DELLE MULTINAZIONALI CONTANO PIÙ DELLA SALUTE (PETIZIONE)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook