Ecco perché i giovani stanno ritornando all’agricoltura

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sono sempre più numerosi i giovani che sia in Italia che nel mondo stanno riscoprendo l’agricoltura, sia come vero e proprio lavoro che come coltivazione dell’orto di casa per avere a disposizione cibo sano e naturale.

Il mondo sta cambiando e i giovani sono tra le persone più sensibili ai problemi legati al riscaldamento globale, alla sicurezza alimentare e alla necessità di mangiare in modo sano e sostenibile.

Esistono giovani che sono piuttosto stanchi della vita frenetica in città e che preferiscono trasferirsi in campagna e intraprendere progetti di autosufficienza e autoproduzione per coltivare cibo bio.

Si tratta di un vero e proprio trend globale in cui i giovani hanno iniziato a considerare l’agricoltura e la campagna come dei rifugi in cui dare inizio ad una vita migliore per se stessi e per le nuove generazioni, pensando anche ai figli che arriveranno.

Così sempre più persone al di sotto dei 30 anni iniziano a progettare una vita a contatto con la natura e all’insegna del benessere. Decidono di investire le proprie energie verso il recupero di tradizioni antiche e quando possono riescono a recuperare le usanze locali del passato per quanto riguarda la coltivazione e la produzione di prodotti tipici.

Leggi anche: LE 6 MIGLIORI IDEE DEGLI “AGRICOLTORI NEW GENERATION” CONTRO LA CRISI

I giovani hanno capito che conoscere esattamente la provenienza del cibo che acquistiamo nei supermercati è quasi impossibile e che dunque è arrivato il momento di cambiare rotta verso uno stile di vita più consapevole e sostenibile.

giovani agricoltori

La salute e la sostenibilità infatti passano soprattutto dal cibo sano, coltivato in modo naturale ma anche da una vita meno stressante, magari più vicina alla natura, in campagna o in montagna, quando possibile.

Leggi anche: TERRE CONFISCATE ALLA MAFIA A DISPOSIZIONE DEGLI UNDER 35

La vita in campagna permette di:

  • Ritornare a coltivare in modo naturale
  • Riscoprire gli antichi mestieri e le tradizioni locali
  • Favorire il lavoro manuale
  • Recuperare il contatto con la natura
  • Riscoprire il valore del tempo
  • Riscoprire l’importanza delle relazioni con gli altri
  • Permettere ai figli di crescere nel verde
  • Avere a disposizione cibo più sano e sostenibile
  • Riscoprire autoproduzione e autosufficienza

Per diversi motivi non tutti riescono a realizzare il sogno di cominciare a coltivare un grande orto oppure di trasferirsi in campagna, ma i giovani che al momento si trovano a dover vivere comunque in città o nelle periferie sanno comunque come apportare cambiamenti nella propria vita.

Ad esempio iniziano a coltivare erbe aromatiche o ortaggi sul balcone, riescono a creare un piccolo orto a casa dei genitori o dei nonni, si informano sulla possibilità di acquistare prodotti locali e di fare parte di un Gruppo di Acquisto Solidale.

Anche se non possiamo trasferirci in campagna proprio in questo momento, se vogliamo possiamo comunque dare il nostro contributo per un modo di vivere più naturale, non credete?

Marta Albè

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook