Francia: ora il glifosato può essere usato anche a 5 metri dalle abitazioni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La Francia ha approvato il decreto che fissa le distanze minime da tenere tra abitazioni e campi coltivati in cui si utilizzano pesticidi.

Il provvedimento è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale lo scorso 29 dicembre ed è entrato in vigore il 1°gennaio di quest’anno.

Per le colture basse, tra cui rientrano i cereali e numerosi ortaggi, i pesticidi potranno essere usati anche a cinque metri di distanza dalle case, mentre la distanza da rispettare per le coltivazioni più alte è di soli dieci metri.

I pesticidi inclusi tra quelli considerati più pericolosi dovranno invece rispettare una distanza di 20 metri dalle abitazioni. L’elenco dei fitofarmaci ritenuti pericolosi rappresenta però solo lo 0,3% dei pesticidi utilizzati e non include il glifosato, nonostante questo sia stato classificato dall’Organizzazione mondiale della sanità come probabilmente cancerogeno.

Nel 2016 il governo francese aveva espresso la volontà di vietare l’uso del glifosato a partire dal 2021, per tutelare la sicurezza di cittadini e agricoltori.
All’inizio dello scorso anni poi, Macron aveva fatto un passo indietro, dichiarando l’impossibilità a rinunciare ai pesticidi contenenti glifosato, poiché il divieto avrebbe danneggiato il settore agricolo.

Con il provvedimento appena approvato, non solo si continuerà a utilizzare il glifosato, ma si arriva addirittura ad azzerare le distante tra abitazioni e campi in cui il pericoloso pesticida viene utilizzato, esponendo così i cittadini a enormi rischi per la salute.

I pestidici a base di glifosato potranno dunque essere usati a cinque metri dalle abitazioni e, in alcuni casi, a una distanza di soli tre metri.

Il provvedimento infatti solleva gli agricoltori dal rispetto delle distanze qualora vengano adottati i cosiddetti dispositivi antideriva. Inoltre, gli agricoltori non sono obbligati a informare i cittadini prima di effettuare i trattamenti.

Numerose ONG e associazioni ambientaliste, tra cui Générations Futures, avevano chiesto al governo una legge perché la distanza tra campi trattati con i pesticidi e abitazione fosse di almento 150 metri, per tutelare la salute della cittadinanza.

Il nuovo decreto fissa invece distanze molto inferiori, che grazie alle deroghe potranno essere ulteriormente ridotte.

L’associazione Générations Futures, che negli ultimi anni si è battuta contro l’approvazione del decreto, ha annunciato di voler far ricorso contro il nuovo provvedimento.

“Générations Futures denuncia la totale mancanza di ambizione di questi testi che non cambierà nulla sul campo e non proteggerà in alcun modo gli abitanti delle aree di utilizzo dei pesticidi” ha dichiarato François Veillerette, direttore di Générations Futures.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook