Australia: Victoria mette al bando il fracking

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

In Australia lo Stato di Victoria è il primo a mettere al bando il e le esplorazioni di ricerca di nuovi giacimenti di gas convenzionale e carbone.

Si tratta di una messa al bando permanente del fracking che il Governo dello Stato di Victoria ha deciso di introdurre come impegno per proteggere il settore dell’agricoltura e le popolazioni locali.

La decisione nasce per dare ascolto alla popolazione australiana che per la maggior parte è contraria al fracking. In particolare lo Stato di Victoria ha messo in chiaro di non voler supportare il fracking e che i rischi per l’ambiente superano ogni potenziale beneficio.

Le preoccupazioni riguardano soprattutto l’agricoltura. Dato che l’Australia ha una produzione agricola d’eccellenza, per lo Stato di Victoria sembra assurdo porla a rischio per via del fracking. L’idea è di fare in modo che i terreni rimangano liberi per le coltivazioni.

La messa al bando del fracking si unisce all’estensione della moratoria sulla ricerca di gas convenzionale fino al 2020, mentre per il momento la ricerca di gas offshore continuerà comunque.

Leggi anche: FRACKING: i GEOLOGI EUROPEI SI INTERROGANO SULLA PERICOLOSITÀ

Si tratta ora come ora di un annuncio importante che riguarda la messa al bando del fracking e che potrebbe portare anche al divieto completo della ricerca di nuovi giacimenti di gas onshore. Secondo Ellen Sandell bisognerà continuare a lottare per raggiungere questo obiettivo.

Leggi anche: FRACKING: 5 COSE DA SAPERE

Non sono mancate le proteste di chi sostiene che fermare le esplorazioni per la ricerca di nuovi giacimenti di gas possa portare alla perdita di posti di lavoro, a partire dalla Australian Worker’s Union. Da questo punto di vista si potrebbe pensare ad una riconversione energetica che possa offrire nuovi posti di lavoro nel settore delle rinnovabili.

Leggi anche: GLI INDIGENI DEL BRASILE CONTRO IL FRACKING: EROICA LOTTA PER PROTEGGERE LA LORO TERRA (FOTO)

Una possibile ulteriore messa al bando del fracking è stata contestata nella regione dell’Australia Northern Territory, dove secondo alcuni politici una simile manovra potrebbe diventare un atto di auto-sabotaggio economico.

Mettere al bando il fracking servirà a concentrare maggiori energie e risorse lavorative e economiche sulle fonti rinnovabili?

Marta Albè

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook