OGM: il diritto dei singoli Paesi UE di vietarli è a rischio (VIDEO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La Commissione Ambiente si oppone alla proposta della Commissione Europea di modificare la legge che consente a qualsiasi Stato membro dell’UE di limitare o vietare la vendita e l’uso di alimenti e mangimi Ogm già approvati dall’Europa sul proprio territorio.

La proposta di modifica, presentata dalla Commissione Europea il 22 aprile 2015, porta con sé il rischio del ripristino dei controlli alle frontiere nel passaggio delle merci da un Paese all’altro. Addio alla libera circolazione delle merci nell’Unione Europea?

I deputati europei temono che la proposta di modifica possa rivelarsi impraticabile e che possa portare alla reintroduzione dei controlli alle frontiere tra i Paesi pro e anti Ogm. La raccomandazione sarà messa ai voti al Parlamento Europeo durante la sessione plenaria del 26-29 ottobre a Strasburgo. La Commissione Ambiente ha espresso il proprio parere contrario martedì 13 ottobre a Bruxelles.

A parere della Commissione Ambiente, la legislazione esistente dovrebbe rimanere così com’è e gli Stati membri dovranno assumersi le proprie responsabilità sugli Ogm tutti insieme a livello europeo, invece di introdurre divieti nazionali e controlli ai confini, come ha specificato il presidente della Commissione Ambiente Giovanni La Via.

A suo parere, la nuova proposta di modifica è in conflitto con i principi del “legiferare meglio” e della trasparenza di cui la Commissione Europea dovrebbe tenere conto. Dopo molti anni trascorsi a sbarazzarci delle barriere tra gli Stati europei, ora la nuova proposta potrebbe frammentare i mercati e portare al ritorno delle ispezioni alle frontiere, di cui l’Europa si era sbarazzata dopo anni di grande impegno.

Al momento la raccomandazione della Commissione Ambiente è stata approvata con 47 voti favorevoli, 3 contrari e 5 astensioni. Ora si dovrà aspettare l’esito della votazione in sessione plenaria a Strasburgo a fine mese. Se il voto non sarà soddisfacente, la Commissione Ambiente potrebbe chiedere alla Commissione Europea di presentare una proposta differente.

Pensate che sarebbe opportuno reintrodurre i controlli alle frontiere per proteggere i Paesi UE dagli Ogm? O sarebbe una sconfitta rispetto all’idea di mercato unito in Europa?

Marta Albè

Leggi anche:

OGM, FLOP PER LE SEMINE BIOTECH IN EUROPA: COLTIVAZIONI IN CALO DEL 3%

MONSANTO RINUNCIA ALLA COLTIVAZIONE DI NUOVI OGM IN EUROPA

OGM: GLI STATI UE SARANNO LIBERI DI VIETARLI PER TUTELARE L’AMBIENTE

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook