Glifosato: l’Europa permetta il divieto ai singoli stati! La petizione

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Lo scorso luglio il Parlamento austriaco ha approvato il divieto totale dell’uso di glifosato su tutto il territorio nazionale. Ma l’Europa potrebbe annullarlo. Una petizione chiede di non cedere alle pressioni di Bayer-Monsanto

Con questo provvedimento, l’Austria sarebbe il primo paese europeo a vietare l’impiego del controverso erbicida ma prima che la normativa entri in vigore occorre attendere il parere della Commissione Europea.

L’Unione europea dovrà esprimersi in merito entro il 29 novembre di quest’anno e Bayer-Monsanto sta già lavorando per convincere la Commissione a ostacolare la nuova legge austriaca. La multinazionale sostiene che il divieto approvato in Austria sia “incoerente con i requisiti legali e procedurali obbligatori e il ragionamento scientifico“.

Il movimento WeMove ha dunque lanciato una petizione online per chiedere all’Europa di non cedere alle pressioni dei lobbisti di Bayer-Monsanto, di non impedire l’applicazione del divieto austriaco sul glifosato e di rispettare il diritto di ogni stato europeo a emettere divieti d’uso sui pesticidi.

Attraverso la petizione, WeMove chiede inoltre all’Unione europea di fare un passo in più e di lavorare perché il divieto d’uso del glifosato sia esteso a tutti i paesi europei.

Il glifosato è un composto chimico utilizzato in agricoltura per la lotta alle specie infestanti. Numerosi studi scientifici hanno dimostrato gli effetti dannosi di questo erbicida per la salute umana, oltre che per la fauna, gli insetti impollinatori e l’ambiente in generale. Sull’uomo, il glifosato è risultato cancerogeno, dannoso per il fegato e per l’apparato riproduttivo.

Nonostante questo, il glifosato è ancora utilizzato in Europa e l’Efsa – l’Autorità europea per la sicurezza alimentare – ha rinnovato l’autorizzazione d’uso di questo pesticida per altri cinque anni, fino al 2022. Questo perché l’Efsa ha tenuto conto di dati sulla sicurezza forniti da Monsanto, multinazionale che produce il Roundpound, a base di glifosato.

Gli studi indipendenti effettuati sul glifosato hanno posto però numerosi dubbi sulla sicurezza del glifosato, di cui il Parlamento austriaco ha tenuto conto decidendo di vietare completamente questo pesticida.

WeMove chiede alla Commissione europea di non impedire questo divieto storico da parte dell’Austria, poiché potrebbe portare altri paesi europei a vietare il glifosato e tutelare così cittadini e ambiente dai danni ormai sicuri provocati da questo pericoloso erbicida. Sul sito di WeMove è possibile leggere e firmare la petizione online.

Leggi anche:

Tatiana Maselli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Schär

Celiachia o sensibilità al glutine? Come ottenere una corretta diagnosi

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook