Disboscano le colline per fare spazio ai vigneti di prosecco in una zona Unesco, tre aziende denunciate

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Tagliati dopo l’altro per fare spazio ai vigneti di prosecco dogs. Un disboscamento di alberi nostrano quello di Tarzo, un comune trevigiano che sta tra le colline di Conegliano e Valdobbiadene e il cui territorio ricade quasi totalmente in zona patrimonio Unesco.

Questa volta lo scempio è a due passi da noi, sulle colline di Tarzo dove fino a poco tempo fa, c’erano alberi e piante e oggi non più. Per questo, tre titolari di aziende agricole della zona e i tecnici che hanno eseguito i lavori di disboscamento per far spazio a nuovi vigneti, sono stati denunciati ai carabinieri forestali per abuso edilizio e paesaggistico.

Sono state le segnalazioni dei cittadini a portare alla denuncia perché di fatto, quelle zone hanno dei vincoli paesaggistici, ambientali e idrogeologici e quindi gli alberi sono stati tagliati senza alcuna autorizzazione a piantare vigneti di Prosecco docg.

Così dopo i dovuti controlli effettuati tra luglio e agosto si è arrivati a denunce e multe.

Le aziende agricole avrebbero disboscato un ettaro e mezzo di terreno fra i colli di Arfanta, Prapian e Costa di Là distruggendo così un ecosistema, visto che la zona è anche un habitat naturale delle preziose api. Non solo, una delle aziende aveva anche costruito una strada in zona protetta.

Leggi anche:

Dominella Trunfio

Foto di repertorio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Speciale Fukushima 10 anni

11 marzo 2011. 10 anni fa il terribile disastro di Fukushima, una lezione che non deve essere dimenticata

eBay

Pulizie di primavera: fai ordine in casa e nell’armadio vendendo online quello che non usi

Foodspring

Colazione proteica vegan per chi la mattina ha il tempo contato

NaturaleBio

ebay

Seguici su Instagram
seguici su Facebook