Pesticidi alleati del coronavirus? Associazioni francesi premono per lo stop all’uso vicino le case

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il Covid-19 può viaggiare su microparticelle, comprese quelle di pesticidi. Ad affermarlo è il movimento ‘Nous voulons des coquelicots’, presieduto da Fabrice Nicolino, un movimento che da anni si batte contro l’utilizzo dei pesticidi. In un articolo pubblicato sul sito del movimento viene fatta una correlazione tra la diffusione del coronavirus e i pesticidi.

“I pesticidi usati nell’agricoltura industriale svolgono un ruolo importante nella diffusione del coronavirus? Purtroppo, ma certamente, la risposta è sì”, scrive Nicolino.Per motivare questa risposta il presidente parte dalle polveri fini e dall’inquinamento atmosferico.

“Le polveri fini (o sottili) indeboliscono le difese immunitarie, peggiorano la situazione di pazienti con problemi di insufficienza respiratoria, dei pazienti con problemi cardiaci e uccidono. In Francia, l’inquinamento atmosferico – e in particolare le polveri fini – porta alla morte di 48mila persone all’anno, secondo uno studio di Public Health France del 2016”, scrive ancora il presidente del movimento che aveva già lanciato una campagna per chiedere il divieto dell’uso dei pesticidi in agricoltura.

Secondo Nous voulons des coquelicots, il coronavirus può viaggiare attraverso le polveri sottili, PM10 e PM2.5, le prime possono penetrare nel tratto superiore dell’apparato respiratorio, dal naso alla laringe; le seconde possono spingersi nella parte più profonda dell’apparato, fino a raggiungere i bronchi. “Più fini sono queste particelle, più sono trasportate dal vento e più a lungo rimangono nell’atmosfera”, spiega ancora.

Uno studio cinese del 2003 dimostra che l’inquinamento atmosferico ha reso la SARS molto più letale. A ciò vanno aggiunti due recenti lavori – una pubblicazione italiana e un’altra americana – che mostrano forti legami tra la concentrazione di polveri sottili nell’aria e la diffusione del coronavirus o il suo aggravamento.

“Cosa contengono queste particelle sottili? Tra gli altri, la traccia delle attività umane: cucina e riscaldamento, trasporti, rifiuti industriali, ma senza dimenticare l’agricoltura. Così tanti veicoli per il coronavirus”.

Nel caso dei pesticidi- spiega ancora il movimento- i microdroplet, le dimensioni delle polveri sottili, sono spinti dal vento, lontano dal loro obiettivo principale. E una parte notevole diventa un vapore così leggero che viene assorbito dalle nuvole e trasportato nel cuore delle città. In alcuni casi estremi, oltre il 90% del prodotto non raggiunge il suo obiettivo. Gli scienziati del National Research Institute for Agriculture, Food and the Environment (INRAE) hanno riscontrato perdite dal 15% al ​​40% nei trattamenti sulla vite. La media generalmente utilizzata è compresa tra il 30% e il 50%. Che dire delle nanoparticelle, utilizzate in modo massiccio dall’industria dei pesticidi in totale discrezione? Su questa scala mille volte più piccola di quella delle polveri sottili, nessuna barriera biologica, nemmeno quella delle cellule, rimane intatta.

Secondo la ricercatrice Isabella Annesi-Maesano, “la primavera è il periodo di diffusione agricola di polveri sottili”. “Durante la diffusione, infatti, l’ammoniaca gassosa attraversando l’atmosfera, reagirà con gli ossidi di azoto formando particelle di nitrato di ammonio e solfato di ammonio”. Per questo i ricercatori chiedono misure idonee per limitare le emissioni. Fertilizzanti, ma anche pesticidi svolgono lo stesso ruolo”, scrive ancora Nicolino.

In queste condizioni, cosa sta facendo il governo? “Niente. Per molte ragioni politiche e storiche, l’agricoltura industriale sembra intoccabile. Da un lato, i discorsi ufficiali affermano che la salute pubblica ha la precedenza, ma dall’altro, molte famiglie con bambini sono confinate vicino alla diffusione di letame liquido, fertilizzanti azotati e pesticidi”.

INRAE, un istituto pubblico, osserva che l’agricoltura industriale produce quasi il 30% di particelle sottili. “Pertanto, dobbiamo cambiare rotta e ricordare, di non essere al servizio delle lobby, ma dell’intera società”, chiosa Nicolino.

Fonte: Nous voulons des coquelicots

Leggi anche:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook