Clorpirifos: secondo l’Efsa il pesticida non può essere considerato sicuro

pesticidi

Il prossimo gennaio scadrà il periodo di approvazione del clorpirifos, un pesticida accusato di interferire con il sistema endocrino e di causare disturbi dello sviluppo cognitivo nei bambini.

La Commissione europea sta valutando la domanda di rinnovo delle autorizzazioni da parte dei produttori e ha richiesto il parere scientifico di Efsa in relazione ai rischi per la salute umana.

L’Autorità per la sicurezza alimentare europea ha quindi esaminato i dati presenti in letteratura e gli studi epidemiologici sulla tossicità del clorpirifos, analizzando in particolare gli effetti tossici di questo insetticida sulla riproduzione e sullo sviluppo nei mammiferi.

In seguito alla review, l’Efsa ha rilevato l’assenza di valori di riferimento tossicologici, e questo rende impossibile valutare il rischio legato all’uso del clorpirifos e dei suoi derivati per consumatori, operatori, lavoratori e residenti.

Non potendo fissare un limite di esposizione sicuro per il pesticida, l’Efsa ha concluso che il clorpirifos non soddisfa i criteri previsti dalla normativa per il rinnovo dell’autorizzazione all’utilizzo nei Paesi dell’Unione Europea.

Diversi Paesi europei, tra cui Germania, Irlanda, Danimarca, Svezia, Finlandia, Lituania, Lettonia e Svezia hanno già messo al bando questo pesticida.
Visto il nuovo parere scientifico dell’Efsa, il divieto d’uso del clorpirifos potrebbe finalmente divenire realtà in tutta Europa a partire dal 2020.

Leggi anche:

Tatiana Maselli

San Benedetto

Cosa vuol dire compensare la CO₂: la linea Ecogreen di San Benedetto

Germinal Bio

#Bionest la nuova campagna Germinal Bio che mostra il dietro le quinte del biologico

Decathlon

La bici usata? Portala da Decathlon: torna Trocathlon dove puoi acquistare e vendere l’attrezzatura sportiva

Triumph

Come riciclare i reggiseni e gli abiti usati

tuvali
seguici su Facebook