Clorpirifos: secondo l’Efsa il pesticida non può essere considerato sicuro

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il prossimo gennaio scadrà il periodo di approvazione del clorpirifos, un pesticida accusato di interferire con il sistema endocrino e di causare disturbi dello sviluppo cognitivo nei bambini.

La Commissione europea sta valutando la domanda di rinnovo delle autorizzazioni da parte dei produttori e ha richiesto il parere scientifico di Efsa in relazione ai rischi per la salute umana.

L’Autorità per la sicurezza alimentare europea ha quindi esaminato i dati presenti in letteratura e gli studi epidemiologici sulla tossicità del clorpirifos, analizzando in particolare gli effetti tossici di questo insetticida sulla riproduzione e sullo sviluppo nei mammiferi.

In seguito alla review, l’Efsa ha rilevato l’assenza di valori di riferimento tossicologici, e questo rende impossibile valutare il rischio legato all’uso del clorpirifos e dei suoi derivati per consumatori, operatori, lavoratori e residenti.

Non potendo fissare un limite di esposizione sicuro per il pesticida, l’Efsa ha concluso che il clorpirifos non soddisfa i criteri previsti dalla normativa per il rinnovo dell’autorizzazione all’utilizzo nei Paesi dell’Unione Europea.

Diversi Paesi europei, tra cui Germania, Irlanda, Danimarca, Svezia, Finlandia, Lituania, Lettonia e Svezia hanno già messo al bando questo pesticida.
Visto il nuovo parere scientifico dell’Efsa, il divieto d’uso del clorpirifos potrebbe finalmente divenire realtà in tutta Europa a partire dal 2020.

Leggi anche:

Tatiana Maselli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook