Cannabis: si fumava già 2500 anni fa, ecco dove

cannabis cina

I cinesi furono i primi a fumare la cannabis oltre 2500 anni fa. Lo ha rivelato un nuovo studio condotto sui residui chimici di bruciatori di incenso individuati nelle antiche sepolture nelle montagne del Pamir, nella Cina occidentale.

Nei resti, gli scienziati dell’Istituto Max Planck per la Scienza della storia umana, dell’Accademia cinese delle scienze e dell’Accademia cinese delle scienze sociali, sono stati trovati cannabinoidi psicoattivi.

Lo studio fornisce quindi la prima prova certa dell’uso della cannabis per i suoi composti psicoattivi ma anche della conoscenza delle maggiori proprietà delle piante produttrici di THC.

La cannabis è coltivata da millenni in Asia orientale ma finora non si sapeva molto sull’uso e sull’eventuale coltivazione della pianta per le sue proprietà psicoattive e medicinali. Nonostante sia oggi una delle più utilizzate al mondo, esistono poche prove archeologiche o storiche sull’uso della marijuana nel mondo antico.

La nuova ricerca ha avuto quindi il merito di identificare i composti psicoattivi conservati nei bruciatori di incenso funerari risalenti a 2.500 anni fa e trovati nel cimitero Jirzankal nel Pamir orientale.

Come sottolinea Nicole Boivin, direttore del Max Planck Institute for the Science of Human History,

“i risultati supportano l’idea che le piante di cannabis siano state utilizzate per la prima volta per i loro composti psicoattivi nelle regioni montuose dell’Asia centrale orientale, per poi diffondersi in altre regioni del mondo.”

Secondo gli scienziati, all’epoca ai cinesi selezionavano piante con livelli più alti di THC e le bruciavano come parte dei rituali mortuari.

cannabis cina

Inoltre, alcuni degli scheletri recuperati dal sito, situato nella moderna Cina occidentale, hanno caratteristiche simili a quelle dei popoli contemporanei che vivevano nell’Asia centrale. Ciò significa che i passi montani di alta quota dell’Asia centrale e orientale avevano un ruolo chiave nei primi scambi trans-eurasiatici.

La regione del Pamir, oggi così remota, potrebbe essere stata una volta situata a cavallo di una rotta commerciale antica e chiave della Via della Seta. Quest’ultima in passato fu il vettore più importante di alcune pratiche culturali, come ha spiegato anche Robert Spengler, capo archeobotanico dello studio per il Max Planck Institute:

“Il nostro studio implica che la conoscenza del fumo di cannabis e delle specifiche varietà di produzione di cannabis ad alto contenuto di sostanze chimiche fossero tra le tradizioni culturali che si sono diffuse lungo queste rotte di scambio “.

Lo studio è stato pubblicato su Science Advances.

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

Foto

WhatsApp

Usi WhatsApp? Iscriviti alle nostre news gratuite

Triumph

Together we recycle: Triumph ricicla i capi usati in nome dell’ambiente

Germinal Bio

Dire addio alla plastica si può: l’esempio da seguire di Germinal Bio

Salugea

Come depurare il fegato con gli estratti vegetali

tuvali
seguici su Facebook