Coltivare la canapa per bonificare i terreni inquinati del Sulcis

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Canapa contro l’inquinamento. Prende il via il progetto per la coltivazione della canapa nei terreni inquinati delle aree industriali del Sulcis, in Sardegna.

La sperimentazione sarà a cura dell’agenzia regionale Agris, affidataria del progetto promosso dall’assessorato all’Agricoltura, che dovrà studiare il comportamento della canapa per capire come e in che modalità riesca a purificare i terreni.

Attraverso la fitodepurazione dei metalli pesanti come piombo, cadmio e zinco, la pianta potrebbe dare buoni risultati nell’estrazione dal terreno di elementi altamente inquinanti.

LEGGI anche: CANAPA: 10 UTILIZZI NEI PIÙ DISPARATI SETTORI

Inutile dirlo, non si tratta della canapa indiana, ma di canapa sativa a basso contenuto di Thc, sotto lo 0,6%, quindi non assimilabile e diversa da quella con effetti psicoattivi, come la marijuana, proibita per legge perché ritenuta droga leggera.

LEGGI anche: CANAPA: BOOM DELLA COLTIVAZIONE IN ITALIA, IN VIGORE UNA NUOVA LEGGE PER FAVORIRLA

canapa sativa lazio

“È un opportunità straordinaria per il territorio, l’iniziativa ha un duplice obiettivo: bonificare i terreni inquinati, grazie alle proprietà decontaminante della canapa, e riavviare una filiera produttiva in aree industriali molto inquinate”, ha annunciato Luca Pizzuto, consigliere regionale Sel e primo firmatario dell’emendamento inserito due anni fa nella Finanziaria.

Agris si avvale della collaborazione di un team di esperti dell’Università di Sassari e di Sardegna Ricerche, assieme lavoreranno su dieci terreni, sia inquinati che puliti, con un’estensione tra 2500 e 5mila mq da utilizzare per tre anni.

Il progetto prevede poi anche la valutazione di nuovi impieghi della canapa sativa come la produzione di oli di canapa, fibre, materiali per l’edilizia, l’artigianato, il tessile e perfino i biocarburanti.

LEGGI anche: FARINA DI CANAPA: PROPRIETÀ, USI, RICETTE E DOVE TROVARLA

“È una pianta che ha 25mila diversi tipi di utilizzo. Dai materiali per la bioedilizia ai biocarburanti e, allo stesso tempo, rappresenta un’opportunità unica per aree ormai compromesse come quelle del Sulcis. In questo momento l’interesse maggiore è rappresentato dalla produzioni di seme destinato ad altre coltivazioni o alla produzione di olio”, ha spiegato il responsabile del progetto Gian Luca Carboni.

LEGGI anche: CANAPA: BREVE STORIA DI UNA STRAORDINARIA PIANTA PROIBITA (VIDEO)

Il budget annuale a disposizione dell’agenzia regionale è di 150mila euro annuali, gli agricoltori che aderiranno alla sperimentazione avranno un indennizzo di 1500 euro a ettaro.

Dominella Trunfio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook